Parco Archeologico Storico Naturale delle
Chiese Rupestri del Materano
Condividi
Home » Ente Gestore

Informazioni sull'Ente

Dati sull'area protetta

Ubicazione: Regione Basilicata - Provincia di Matera
Comuni interessati: Matera, Montescaglioso
Superficie: 6.128 ettari (Ha)
Fiumi e torrenti: Fiume Bradano, Torrente Gravina, Torrente Jesce

La storia dell'Ente
 Il contesto normativo nel quale si è avuta l'istituzione dell'Ente di gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano (Ente Parco) può essere ricondotto alle seguenti leggi regionali:
L.R. N. 11/90. Istituzione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano
L.R. N. 28/94. Individuazione, Classificazione, Istituzione, Tutela e Gestione delle aree naturali protette in Basilicata
L.R. N. 2/98 Istituzione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano
La storia, però, comincia più di 25 anni fa, contestualmente al dibattito per il recupero dei Sassi
L.R. N. 3/78 Istituzione del Parco storico naturale delle chiese rupestri di Matera

L'Ente Parco è partecipato dalla Comunità del Parco ai sensi della L.R. 2/98 che è costituita dalla Provincia di Matera, il Comune di Matera e il Comune di Montescaglioso.
Dal punto di vista giuridico si configura come Ente di diritto pubblico cui compete la direzione e l'amministrazione del Parco, con obiettivi di pianificazione ed esecuzione delle strategie volte all'attuazione delle finalità per cui il Parco è stato costituito, già delineate dalla legge regionale 3 aprile 1990, n. 11.
Nel 2000 si insedia il Presidente ed il Consiglio Direttivo dell'Ente. L'anno dopo, nel 2001, l'Ente Parco adotta il Piano del Parco, mentre nel 2002 la Giunta Regionale adotta a sua volta il Piano che così viene pubblicato per le osservazioni dei cittadini. Le controdeduzioni dell'Ente Parco alle osservazioni arrivano nel 2003. Poi, nel 2004 la Giunta Regionale approva le controdeduzioni ed invia al Consiglio il Piano per l'approvazione definitiva.
Il 15 febbraio 2005 il Consiglio Regionale ha approvato definitivamente il Piano del Parco.