HOME       CONTATTI   
IL PARCO      ESCURSIONI      CEA - CENTRI VISITA      COMUNICAZIONE      ENTE PARCO    
 
 
 
COMUNICAZIONE
Eventi Pagina 61 di 130  Pagina Precedente | Pagina Successiva
 
 
Forum del Sistema di Gestione Ambientale
Programmi Ambientali
Le pubblicazioni del Parco
Il Giornale del Parco
I Quaderni del Parco
Rassegna Stampa
Eventi
Eventi 2012
Eventi 2011
Eventi 2010
Eventi 2009
Eventi 2008
Eventi 2007
Eventi 2006
Eventi 2005
Eventi 2004
Comunicati Stampa
Archivio delle Tesi di Laurea
 
Iscriviti alla newsletter Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina ad un amico Invia questa pagina
Cerca nel sito Cerca nel sito
 
 
Birdwatching sulla murgia materana 18/04/2012
Domenica 22 aprile 2012 - Jazzo Gattini ore 8.30
Birdwatching sulla murgia materana
Con Adriano Castelmezzano (Guida escursionistica ed ambientale)
N.7 posti disponibili INGRESSO GRATUITO Prenotazione obbligatoria entro le ore 13 di sabato 21 aprile (0835 332262 oppure 388 8925407)

L’altopiano della murgia materana e le vicine gravine rappresentano un sito unico per la bellezza del paesaggio, per la storia e le tradizioni, ma anche e soprattutto per la varietà e la ricchezza di piante e animali. L’avifauna in particolare, presenta molte specie rare e protette che vivono entro i confini del parco, in particolare i rapaci, con la presenza di specie comuni come la poiana ed il gheppio, accanto ad altre molto più rare: il biancone, migratore e cacciatore di serpenti, il lanario, un falconide raro in tutta l’Europa meridionale, il falco pellegrino, il grillaio, di cui Matera possiede una delle più importanti colonie della penisola, la cicogna nera, il capovaccaio, il più piccolo tra gli avvoltoi quasi al limite dell’estinzione in Italia e il nibbio reale. Tra i rapaci notturni è segnalata la presenza del gufo reale che vive nei valloni più profondi e selvaggi. Ma oltre ai rapaci, sono presenti altre specie di uccelli, soprattutto passeriformi, dove le specie più comuni si affiancano a quelle più rare, come la monachella, un piccolo migratore che nidifica in ambienti aridi e rocciosi, lo scricciolo, passeriforme tipico di anfratti ed ambienti freschi ed umidi, l’occhiocotto, silvide tipico della macchia mediterranea, il corvo imperiale che frequenta le gravine e le pareti rocciose, la ghiandaia marina che si osserva ai margini dei boschi ma anche lungo le pareti rocciose, ed il passero solitario, dal verso melodioso. Un posto speciale tra i passeriformi spetta alle sempre più rare e minacciate averle, piccoli “rapaci in miniatura” e poi l’upupa, dal lungo becco ricurvo e dalla curiosa cresta erettile e le allodole, dalla più comune cappellaccia alla tottavilla e alla calandra.

Svolgimento delle attività
Ci dedicheremo per circa 4 ore all’osservazione ed al riconoscimento, anche tramite l’ascolto di canti e versi, delle principali e più comuni specie nidificanti e migritrici osservabili nel parco regionale della murgia materana. La mattinata trascorrera’ tra brevi passeggiate e soste nei principali siti di osservazione. Durante il birdwatching sarà posta particolare attenzione nel non creare disturbo agli uccelli eventualmente impegnanti nei cortaggiamenti, nella riproduzione o nella cova, in particolare si eviterà di avvicinarsi a possibili siti di nidificazione, mantenendo sempre una distanza di “rispetto”, soprattutto per le specie più sensibili come i rapaci.

Cosa portare e come vestirsi
Attrezzatura consigliata: binocolo, macchina fotografica dotata di teleobiettivo (preferibile), guida al riconoscimento degli uccelli, taccuino per gli appunti utile per segnare e memorizzare le specie avvistate.
Abbigliamento consigliato: scarpe da trekking alte, pantaloni leggeri e comodi, cappellino con visiera, zaino piccolo e giacca antipioggia. Scorta di acqua da 1L circa. (si consiglia un abbigliamento mimetico).
 
     
  parcomurgia.it
Ente Parco della Murgia Materana - Contatti - Privacy Credits: basilicatanet.com