image
HOME       CONTATTI   
IL PARCO      ESCURSIONI      CEA - CENTRI VISITA      COMUNICAZIONE      ENTE PARCO    
 
 
 
wwww.parcomurgia.it
 
 
Posta Certificata
L’indirizzo e-mail con posta certificata dell’Ente Parco

>> E-mail certificata
MENU' DEL SITO
IL PARCO
Scoprire il Parco
Geologia
Preistoria
Clima
Storia del Parco
Le Chiese Rupestri
Flora
Fauna
Uomo e Territorio
Matera
Montescaglioso
Ricordi del Passato
ESCURSIONI
Come Arrivare
Guide del Parco
Centri Visite
Norme Visite
Soggiorno e Servizi
CEA - CENTRI VISITA
Parco dei Monaci
CEA Matera
CEA Montescaglioso
COMUNICAZIONE
Forum del Sistema di Gestione Ambientale
Programmi Ambientali
Le pubblicazioni del Parco
Il Giornale del Parco
I Quaderni del Parco
Rassegna Stampa
Eventi
Comunicati Stampa
Archivio delle Tesi di Laurea
ENTE PARCO
Informazioni sull’Ente
Albo Pretorio
Contatti
Organi
URP
Leggi e Regolamenti
Documenti e Allegati al Piano
Bandi e Gare
 
Iscriviti alla newsletter  Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina ad un amico  Invia questa pagina
Cerca nel sito  Cerca nel sito
 
 
Regione Basilicata  Regione Basilicata
 
Provincia di Matera  Provincia di Matera
 
Comune di Matera  Comune di Matera
 
Comune di Montescaglioso  Comune di
 Montescaglioso
 
 
 
Franca. Omaggio a Franca Rame.
Venerdì 26 luglio
ParcoMurgia Festival 2019

ore 17.00 - Alla scoperta degli abitanti delle rocce, escursione con Giuseppe Grossi, faunista;

ore 20.00 - Roberta La Guardia e il teatro Rame Fo.
Roberta La Guardia, attrice lucana, in un reading tratto dal suo spettacolo "Franca. Omaggio Franca Rame", spettacolo ufficialmente autorizzato dalla famiglia Fo.
A seguire conversazione con Roberta Laguardia conduce Anna Elena Viggiano.

In collaborazione con: Collettivo Artistico Realisti Visionari
Ingresso fino a esaurimento posti.
image
PARCOMURGIA FESTIVAL 2019
image
XIX edizione
anno 2019
SI VIAGGIARE!

N.B.: IN CASO DI PIOGGIA INSISTENTE GLI EVENTI PREVISTI PER IL 12 E 13 LUGLIO SI TERRANNO ALL’INTERNO DELLA SALA CONGRESSI DI PARCO DEI MONACI!

Venerdì 12 Luglio
ore 19 – Centro Visite Parco dei Monaci (SS 175 Matera – Montescaglioso)
Ingresso fino a esaurimento posti
Conversazione con Gianluca Masi, astrofisico
VAN GOGH E L’ESPERIENZA DEL CIELO: QUANDO LE STELLE ILLUMINANO L’ARTE”
Van Gogh dipinge Notte Stellata sul Rodano. Straordinari dettagli e imprevisti si celano dietro questo capolavoro. Un viaggio tra scienza e arte, un dialogo tra due sponde che non hanno mai smesso di arginare il medesimo fiume: l’avventura dell’uomo, della scienza, della meraviglia

Conversazione con Giuseppe Bianco
DISTANZE ASTRONOMICHE, UN VIAGGIO NEL TEMPO E NELLO SPAZIO
Dirigente tecnologo dell’Agenzia spaziale Italiana, con l’incarico di Direttore del Centro di Geodesia Spaziale dell’Agenzia “Giuseppe Colombo” di Matera, Giuseppe Bianco ci omaggia di una lezione sulle distanze astronomiche che trasforma il Parco della Murgia Materana in un punto di osservazione per un viaggio nello spazio

Gianluca Masi è nato a Frosinone nel 1972. Laureato a pieni voti in Fisica, indirizzo astrofisico, presso l’Università “La Sapienza”, ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Astronomia presso l’Università di “Tor Vergata”. Ha all’attivo la pubblicazione di oltre 900 contributi professionali, ha scoperto decine di asteroidi, numerose stelle variabili, è co-scopritore di tre pianeti extrasolari e del transiente ASASSN-15lh, la più luminosa supernova mai scoperta. Nel 2006 ha fondato il progetto Virtual Telescope. Sui contributi appaiono regolarmente su Ansa, CNN, Newsweek e altri prestigiosi media, radio e TV nazionali ed esteri. Ha tenuto numerosissime conferenze sia in Italia che all’estero. Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti, l’asteroide (21795) è stato denominato “Masi” dall’International Astronomical Union per i suoi meriti scientifici. E’ Coordinatore per l’Italia di Asteroid Day e Astronomers Without Borders. E’ Ambasciatore del progetto “Dark Skies for All”, dell’International Astronomical Union.

Giuseppe Bianco: È nato nel 1958 a Matera, dove ha vissuto e studiato fino al conseguimento della Maturità Classica. Si è laureato in Astronomia, con lode, presso l’Università di Bologna nel 1983. Assunto come ricercatore presso il Centro di Geodesia Spaziale (CGS) di Matera nel 1985, lavora per l’Agenzia Spaziale Italiana con la qualifica di Dirigente Tecnologo. Attualmente è Direttore del Centro di Geodesia Spaziale dell’ASI di Matera. È stato a lungo membro della delegazione italiana presso l’Agenzia Spaziale Europea e Presidente dell’International Laser Ranging Service (ILRS) dal 2014 al 2018. È stato professore a contratto presso l’Università di Basilicata ed ha tenuto corsi e seminari presso le Università di Pavia, Padova, Milano, Bologna e Torino. È autore e coautore di numerose pubblicazioni su riviste internazionali e svolge un’intensa attività di divulgazione scientifica. È sposato dal 1990 con Brunella Caserta, insegnante di lettere; ha due figli: Giovanni di 25 anni, zoologo, e Giorgio di 20, musicista. Nel tempo libero va in barca a vela, gira in motocicletta e suona la batteria.


Sabato 13 Luglio

ore 10.30 - visita al Centro di Geodesia Spaziale
ingresso su prenotazione max 50 visitatori. Per l’accesso al Centro di Geodesia Spaziale è indispensabile l’invio della copia della Carta d’Identità a espositoparcomurgia.it.  (info 0835/336166 int. 4).

ore 20.30 - Centro Visite Parco dei Monaci (SS 175 Matera – Montescaglioso) – ingresso libero
"PICCOLO ATLANTE DELLE COSTELLAZIONI ESTINTE", conversazioni scientifico-musicali
Patrizio Fariselli (musicista, pianista, compositore)
Gianluca Masi (scienziato, astrofisico)
Ingresso fino a esaurimento posti

Patrizio Fariselli
Nasce nel 1951. Pianista e compositore, dopo gli studi al Conservatorio di Pesaro, nel 1972 entra a far parte degli Area, uno dei gruppi più importanti del panorama musicale italiano.
Dagli anni ottanta si dedica alla musica per il cinema, il teatro, la danza e la televisione.
Vince il Ciak d’oro per Ivo il tardivo di Alessandro Benvenuti e il primo premio all’Holland Film Festival di Utrecht per The Horseman di Michel Fuzellier.
Dal 1997 intensifica l’attività concertistica esibendosi al pianoforte e con live electronics, in solo, o in diverse formazioni jazz e contemporaneamente pubblica alcuni nuovi dischi (Chernobyl 7991, Area-Variazioni per pianoforte, Acqua liquida suite, Notturni).
Tiene concerti jazz con: Steve Lacy, Gigi Cifarelli, Curtis Fuller, Howard Johnson, Art Farmer etc.
Nel 2009 partecipa al Festival di Montevecchio, dirigendo brani orchestrali di John Cage.
Dal 2010 partecipa alla reunion degli Area, con cui tiene numerosi concerti in Italia e all’estero, a New York, Dublino, Londra e a Tokyo.
Di recente edizione è il suo libro autobiografico Storie elettriche e, per Sony Classical il CD Piccolo Atlante delle Costellazioni Estinte.
E’ autore della serie di cartoni animati a soggetto musicale Taratabong, prodotti dalla RAI, che ha vinto il primo premio internazionale a Cartoons on the bay. Nel 2015 scrive e realizza la musica per il film: IQBAL, Bambini senza paura con la regia di Michel Fuzellier.
Tiene conferenze e seminari sugli aspetti cognitivi dell’improvvisazione e corsi di formazione ad indirizzo multimediale.

scarica il programma scarica il programma
PARCOMURGIAFESTIVAL 2019
Nell’ambito del ParcoMurgia Festival 2019, vi ricordiamo che per effettuare la Visita al Centro di Geodesia Spaziale di Matera prevista per Sabato 13 Luglio - Ore 10:30 è necessario prenotarsi chiamando il numero 0835 336166 - int. 4, entro e non oltre le ore 12.00 del 12 Luglio.
La prenotazione sarà valida solo se seguita dall’invio della scansione del documento d’identità all’email esposito@parcomurgia.it.
L’ingresso è riservato ad un numero massimo di 50 visitatori.
image
Parco Murgia Film 2019
Torna il Parco Murgia Film 2019 - cinema, musiche e degustazioni sotto le stelle!
Ecco a voi, in allegato, il programma ufficiale.
Vi aspettiamo a partire da Martedì 9  Luglio.
image
Programmazione Parco Murgia Film 2019 Programmazione Parco Murgia Film 2019
Guida alla flora del Parco e del territorio materano
image Presentata nella Sala Conferenze dell’ex Ospedale di San Rocco a Matera, in occasione della Giornata Internazionale del “Fascino delle Piante”, la seconda edizione della “Guida alla flora del Parco e del territorio materano” a cura di Giuseppe Gambetta e Piero Medagli.

Il libro, facente parte della collana ParcoMurgia, si presenta come versione aggiornata di una prima Guida a cui gli stessi Gambetta e Medagli avevano lavorato fino alla pubblicazione nel 2003.

In questa seconda edizione, a distanza di sedici anni, l’ambito di indagine si allarga e coinvolge anche altri ambienti del territorio che fanno corona alla città di Matera attraverso un percorso di ricerca che rappresenta un notevole progresso delle conoscenze floristiche e fitogeografiche del territorio, nonché un aggiornamento dei nomi scientifici di tante piante su basi bio-sistematiche.

Anni ed anni di appassionata ricerca e di esplorazione del territorio materano in tutte le stagioni, per portare alla luce le caratteristiche delle oltre 800 specie vegetali descritte ed illustrate, di cui numerose endemiche e rare.

Si offre, quindi, alla collettività, uno strumento per la conoscenza e la conservazione della biodiversità locale, un testo divulgativo ma allo stesso tempo rigorosamente scientifico, adatto a soddisfare numerose esigenze.

Il testo è disponibile presso le migliori librerie e presso la sede amministrativa del Parco della Murgia Materana, in Via Sette Dolori n. 10 – Sasso Barisano – Matera.
PARCOMURGIAFESTIVAL 2019 - XIX edizione
imageSabato 22 Giugno

ATTRAVERSANDO LA SERA DA MONTESCAGLIOSO A MATERA LUNGO L’ANTICO TRATTURO
Percorso trekking lungo il tratturo regio di Montescaglioso e il ciglio della Gravina con sosta a Parco del Monaci.

Con Angelo Lospinuso, Franco Caputo, Raffaele Lamacchia e Luigi Esposito.

Partenza in autobus FAL da Matera - Piazza della Visitazione (fermata ubicata presso il Piazzale ex stazione FAL MT C.le) per Montescaglioso ore 16.17 (arrivo a Montescaglioso alle ore 16.52).
In alternativa partenza ore 17.52 (arrivo a Montescaglioso alle ore 18.27).

Ore 17.15 - Montescaglioso, appuntamento e visita dell’Abbazia Benedettina di San Michele Arcangelo.

Ore 18.45 - Partenza del Trekking da Porta Sant’Angelo - Montescaglioso per Matera.

Ore 20.30 – Sosta al Centro Visite di Parco dei Monaci – Gli Insetti del Parco, attività di cattura notturna per lo studio dell’entomofauna. A cura di Eustachio Tarasco (Docente di Entomologia Facoltà di Agraria Università di Bari)

Ore 21.30 – ripartenza del Trekking per Matera
Ore 24.00 circa - Arrivo a Matera presso la Chiesa di Sant’Agnese.

Iscrizione obbligatoria contattando l’Ente Parco al numero 0835/336166, int. 4. entro Venerdì 21 Giugno ore 12.00.
Quota di Partecipazione € 5,00
Numero minimo partecipanti: 10
Difficoltà: E
Lunghezza del percorso: km. 18 ca.
Attrezzatura consigliata: torcia, zaino, borraccia, colazione al sacco, cappellino, scarpe da trekking.

A cura del CEA Montescaglioso.
Corso Nazionale AIGAE per Guida Ambientale Escursionistica Matera 2019
Corso di avviamento alla professione che fornisce le conoscenze di base e gli strumenti tecnici necessari a intraprendere la professione e prepara gli allievi ad affrontare l’esame finale di ammissione ad AIGAE.

www.aigae.org/corso-nazionale-aigae-per-guida-ambientale-escursionistica-matera-2019/


image
DISPOSIZIONE DI SERVIZIO
 Modifica accesso pomeridiano al pubblico - Disposizione di Servizio

Si informano gli utenti che a decorrere dal 01/06/2019 fino al 31/07/2019, il giorno di accesso pomeridiano al pubblico presso la sede dell’Ente in via Sette Dolori, 10 - Matera viene spostato dal martedì al lunedì, sempre dalle ore 16.30 alle 18.00. Di seguito la disposizione di servizio:

http://www.parcomurgia.it/public/web/documenti/disposiz_serv_rientro_lunedi.pdf


Atti vandalici nel Parco della Murgia Materana
image
 Il Presidente dell’Ente di Gestione del Parco della Murgia Materana, Michele Lamacchia, esprime rammarico per i comportamenti deturpanti che recano danno alle cose pubbliche in zona Belvedere - Murgia Timone.

"Tali comportamenti - sottolinea il Presidente Lamacchia - denotano il totale disinteresse verso il senso di appartenenza e verso il senso di condivisione delle cose utilizzate dalla comunità. In questo caso particolare, mi riferisco a quello che è successo sul piazzale Belvedere di Murgia Timone, dove alcuni vandali hanno divelto più contenitori di raccolta dei rifiuti. Come sapete, l’area è stata recentemente attrezzata con panchine e cestini sistemati appositamente per rendere un servizio migliore ai turisti e ai cittadini. Ovviamente ogni cosa appartiene a tutti ed è questa la ragione che mi spinge ad appellarmi a tutti voi che leggete questo messaggio, affinchè diveniate sentinelle attive del parco per bloccare comportamenti irrispettosi nei confronti dell’ambiente e delle cose pubbliche".
Gli abitanti della Gravina
imageIn questi giorni è stata confermata la presenza della lontra, mammifero tra le specie più a rischio di estinzione, nell’area del torrente Gravina. “Nonostante le attività di ricerca del progetto “InnGreenPAF”, finanziato dalla Regione Basilicata su fondi PO-FESR 2014-2020, siano cominciate da poco, stanno già consegnando importanti risultati - dichiara Vito Santarcangelo, responsabile scientifico del progetto dell’Ente di gestione del Parco della Murgia Materana -. Nei giorni scorsi, grazie a speciali tecniche di foto trappolaggio, sono state fatte alcune riprese in cui si vede chiaramente un esemplare di lontra, specie fortemente schiva e di difficile individuazione in ambiente naturale, anche per le sue abitudini quasi completamente notturne. Ci tengo a specificare che la lontra è una delle specie di mammiferi più esposte al rischio di estinzione in Italia. Essendo un predatore al vertice della catena alimentare di ecosistemi acquatici, la conservazione della lontra rappresenta una sfida particolarmente impegnativa poiché implica la tutela della biodiversità, dell’integrità, e della continuità degli ecosistemi fluviali e ripariali. Pertanto, ritengo che la presenza del mammifero nella nostra Gravina sia una scoperta di rilevanza straordinaria”. Una delle Azioni del progetto “InnGreenPAF” analizza lo stato di conservazione delle specie presenti nel Parco della Murgia Materana, ponendo particolare attenzione su quelle a maggior rischio di estinzione a livello globale. E non è un caso che l’ambiente della Gravina di Matera, grazie alla sua inaccessibilità ed allo stato di conservazione dei luoghi, offra habitat idonei a specie come la Lontra (Lutra lutra), la Cicogna nera (Ciconia nigra), il Capovaccaio (Neophron percnopterus), la Ghiandaia marina (Coracias garrulus) e diverse altre, dando la possibilità a queste specie, di nidificare e quindi di assicurare la conservazione stessa delle proprie popolazioni residue. “La situazione del Torrente Gravina, interessata da fortissimi carichi inquinanti provenienti dai depuratori di Matera e di Altamura, rappresenta la prima delle minacce a questa specie inserita dall’IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) tra quelle “in pericolo”, ossia tra quelle a maggior rischio di estinzione a livello mondiale”. Conclude il presidente del Parco della Murgia Materana, Michele Lamacchia, preoccupato anche per la cicogna nera e il capovaccaio, presenti entrambi in poche coppie in Italia. “L’Ente Parco della Murgia Materana – continua Lamacchia - continuerà il capillare monitoraggio delle specie su tutto il territorio che interessa lo sviluppo della Gravina di Matera e promuoverà collaborazioni con la Regione e con l’ISPRA per approfondire lo stato di conservazione di queste specie, nella speranza che possano avere in futuro le condizioni ideali per continuare a nutrirsi e riprodursi”.

Presentazione del Quaderno Junior 2019
image
Sabato 11 maggio 2019 ore 10,30 Parco dei Monaci

L’Ente Parco della Murgia Materana è orgoglioso di presentare "Territori Narranti", la nuova collana dei Quaderni Junior del Parco.
Dalla proficua collaborazione tra Istituzioni e Scuole, propria di una vera Comunità Educante, nasce, infatti, la prima Redazione Junior del Parco.
La Scuola Secondaria di I grado "N. Festa" di Matera (unica scuola in città a proporre la straordinaria esperienza del Laboratorio di Studio del Territorio nel Modulo a Tempo Prolungato) progetterà e realizzerà ogni anno un numero speciale dei Quaderni Junior del Parco per raccontare, con la freschezza e la creatività propria dei ragazzi, le incredibili ricchezze storiche, artistiche e naturalistiche del territorio materano.

La presentazione ufficiale di "Teritori Narranti" avverrà sabato 11 maggio 2019 alle ore 10,30 presso Parco dei Monaci alla presenza del Presidente del Parco Michele Lamacchia, dell’Assessore Marilena Antonicelli e della Dirigente Scolastica Mariarosaria Santeramo.

Saranno presenti anche i piccoli grandi autori del primo numero dei Quaderni Junior del Parco, ossia gli studenti della Classe III B della Scuola Secondaria di I grado "N. Festa" accompagnati dai docenti Silvia Palumbo, Maria Luisa Montemurro e Saverio Tarasco.

Durante la manifestazione si coglierà l’occasione per suggellare ufficialmente il gemellaggio tra la Scuola Secondaria di I grado "N. Festa" di Matera e la Scuola Secondaria di I grado "G. Verga" di Cernusco Lombardone proprio all’insegna dei Teritori Narranti.
Gli studenti delle due scuole, infatti, si scambieranno dei doni veramente speciali: sveleranno se stessi e la propria terra attraverso poesie e racconti originali, per leggere con occhi diversi la realtà.
A Montescaglioso visita l’Abbazia benedettina di S. Michele Arcangelo, splendido esempio del Rinascimento della Basilicata
image 
Disciplina della circolazione veicolare. Ordinanza del Comune di Matera n. 126
 in allegato
image
Ordinanza n.126 pag.1 Ordinanza n.126 pag.1
Ordinanza n.126 pag.2 Ordinanza n.126 pag.2
Modifica accesso pomeridiano al pubblico - Disposizione di Servizio
Si informano gli utenti che a decorrere dal 01/04/2019 fino al 31/05/2019, il giorno di accesso pomeridiano al pubblico presso la sede dell’Ente in via Sette Dolori, 10 - Matera viene spostato dal martedì al lunedì, sempre dalle ore 16.30 alle 18.00. Di seguito la disposizione di servizio.

http://www.parcomurgia.it/public/web/documenti/disposizione_servizio_rientro_pom.pdf
Giornate FAI di primavera, anche Parco dei Monaci è tra i luoghi di visita
image
Bentornati!
 Sono ritornati! Matera e Montescaglioso sono di nuovo Città ospitanti...per i Grillai!

Foto di Giuseppe Grossi

image
Come raggiungere il belvedere di Murgia Timone e il Centro visite di Jazzo Gattini, da Matera centro
PARCO DELLA MURGIA MATERANA
• IN AUTO: bisogna uscire da Matera e seguire le indicazioni per Taranto/Laterza. Al km 583 sella SS7 c’è a destra il bivio dell’Ente Parco della Murgia Materana, segnalato come “Area attrezzata camper” e “Centro visite/ Centro di Educazione Ambientale”. Attenzione il bivio non è quello che conduce alla chiesa di Madonna delle Vergini, ma quello successivo.
• A PIEDI DA MATERA (sentiero attualmente chiuso per motivi di sicurezza): seguendo il sentiero escursionistico 406 che scendendo da Piazza Porta Pistola (Rione Sassi) , supera il torrente Gravina attraverso la passerella sospesa e risali il pendio che porta al Belvedere di Murgia Timone. Per arrivare a Jazzo Gattini si segue quindi per km 1,5 verso sinistra la strada panoramica di Murgia Timone.
• IN AUTOBUS URBNO: da Piazza San Pietro Caveoso tutti i weekend e ponti festivi e prefestivi ogni ora dalle 10:00 alle 17:00 (costo del biglietto sul pullman 1,50€.
• IN BUS NAVETTA CEA MATERA: è disponibile solo per chi prenota le visite guidate organizzate dal CEA.

La chiesa rupestre inedita di Murgia S. Andrea a Montescaglioso
image

L’ipogeo, di difficile accesso, è costituito da tre ambienti di cui uno absidato. L’ingresso è aperto quasi al centro di una piattaforma rettangolare sul cui margine sinistro è scavata una cisterna. La sommità del portale d’ingresso è delimitata da una scanalatura collegata ad un’altra incisione praticata nella parete esterna che permette di allontanare l’acqua di dilavamento dall’ingresso e convogliarla nella cisterna. L’abside è esposta ad oriente e l’ingresso all’aula presbiteriale è collocato in un altro ambiente affiancato all’aula principale. L’ipogeo evidenzia una tipologia cosiddetta a " pianta inversa ", che consente di mantenere l’orientamento canonico est-ovest anche in presenza di una esposizione della parete di scavo verso oriente. Conseguentemente l’ingresso non è aperto lungo l’asse longitudinale della chiesa, ma in un ambiente ad essa adiacente. La configurazione planimetrica della chiesa inedita è raffrontabile nello specifico con altri analoghi ipogei del tipo “ a pianta inversa “ segnalati in Puglia ed in particolare con la chiesa di S. Marco a Ginosa databile al secolo XII 1. Nel Parco della Murgia Materana è ascrivibile alla medesima tipologia ma con una configurazione planimetrica completamente diversa, anche l’impianto più antico della chiesa di S. Maria della Loe 2.
All’interno dell’area presbiteriale della chiesa rupestre, rialzata da un gradino, rispetto al piano di calpestio dell’ambiente di ingresso, è scavata una sepoltura priva di lastra di copertura della quale si intravede la risega per l’alloggiamento. Nella parte della tomba rivolta a sud è presente un alveolo cefalico o “loggetta”. Questa particolare tipologia di sepoltura è ben documentata tra Matera e Montescaglioso: un’analoga sepoltura è stata indagata nella necropoli rintracciata in Piazza S. Giovanni Battista a Matera (chiesa di S. Maria La Nova) 3; due sono state rintracciate nella necropoli antistante la cappella di S. Biagio in località Difesa a Montescaglioso ed altre sono presenti nella necropoli scavata sul pianoro sovrastante la Madonna della Murgia o Loe, sul confine tra le due città del Parco 4.
Le caratteristiche dello scavo permettono di affermare che in alcune aree la chiesa non fu mai completata.
Nel perimetro interno della chiesa sono intercalate varie arcatelle cieche: tre nella cella d’ingresso di cui una mai completata e due nell’aula presbiteriale. Altre due, scavate nei lati dell’abside potrebbero aver avuto le funzioni di diaconico e protesi . Il diaframma tra ambiente d’ingresso ed aula liturgica, in parte delimitato da un sedile perimetrale, è aperto da due arcate di cui una invalicabile e l’altra comunicante con il presbiterio tramite un gradino. Un’altra arcata, in asse con l’abside e con alla base un sedile parallelo all’unica sepoltura finora visibile, è aperta nel diaframma che separa l’aula liturgica dalla terza cella, un ambiente che nella sua forma irregolare denuncia uno scavo probabilmente mai completato. Tutti gli ambienti, tranne l’abside, sono coperti da soffitti piani.
All’interno dell’ipogeo è presente uno strato di terriccio dello spessore di 20/ 40 cm che potrebbe occultare altri elementi d’interesse, tra cui eventuali tracce del plinto dell’altare. Nel catino absidale è aperta una finestrella ottenuta dal rimaneggiamento di una piccola bifora, che all’esterno conserva la scanalatura di protezione dal percolare dell’acqua piovana. La bifora è raffrontabile con le conclusioni absidali di un’anonima chiesa rupestre della Gravina di Riggio a Grottaglie (sec. XI) 5 e, in ambito non rupestre, delle chiese di S. Maria di Barsento (Noci - BA) e S. Pietro di Crepacore (Torre S. Susanna – BR). Croci di varie misure sono incise lungo le pareti esterne ed interne e contornano una epigrafe medievale di difficile interpretazione incisa nell’abside. Un’altra croce incisa su una parete della cisterna potrebbe indicare la presenza di una sepoltura sul piano di scavo o la sacralizzazione dell’acqua raccolta. A valle ed a monte della chiesa sono presenti i resti di due grandi calcare, circa 5 metri di diametro. Un’altra cavità, in parte sommersa da detriti e terriccio, scavata a poca distanza dalla chiesa, evidenzia funzioni residenziali probabilmente connesse alle attività produttive delle due calcare.
La chiesa è scavata lungo la parete di una profonda asta torrentizia, classificata tra le zone “ A “ del Parco, particolarmente ricca di vegetazione tipica della Murgia. Il canale è fittamente coperto da un bosco sempreverde di Leccio (Querus ilex) nel quale sono presenti alcuni esemplari di Orniello (Fraxinus ornus), Bagolaro (Celtis australis) e Caprifico (Ficus carica). Altre specie presenti nel sito sono formazioni di Cisto rosso (Cistus creticus), Terebinto (Pistacia terebintus), Lentisco (Pistacia lentiscus), Ginepro comune (Juniperus communis). Lungo le pareti rocciose e imponenti trovanti di roccia si trovano nuclei consistenti di Polipodio meridionale (Polypodium australe), Cetracca o Spaccapietre (Ceterach officinarum), Capelvenere (Adiantum capillus-veneris) e numerose specie di muschi e licheni. Nell’area sono state osservate tane di Istrice (Hystrix cristata), Tasso (Meles meles) e Volpe (Vulpes vulpes), la presenza di Colombaccio (Columbus palumbus), Ghiandaia (Garrulus glandarius), varie specie di Silvidi e Paridi (Capinera, Occhiocotto, Cinciarella, Cinciallegra, branchi di Cinghiali (Sus scrofa) e tracce di alcuni esemplari (3/5) di Lupo appenninico (Canis lupus italicus).
Parco Murgia d’intesa con la Soprintendenza Belle Arti, Archeologia e Paesaggio della Basilicata e i proprietari del luogo, è impegnato a preservare l’integrità del sito con l’intento di poter svolgere al più presto ricerche e verifiche puntuali sull’ipogeo e sull’area vasta circostante che ricadono interamente in area “ A “ del Parco e pertanto sottoposta al livello più alto di tutela.

1 Per pianta e datazione cfr, Franco Dell’Aquila, Le chiese rupestri di Puglia e Basilicata, Bari, 1998, p. 162, n. 16.
2 Erminia Lapadula, Il villaggio della Loe nella Murgia Materana. Organizzazione degli spazi e sfruttamento delle risorse, in Insediamenti rupestri di età medievale, abitazioni e strutture produttive: Italia centrale e meridionale, a cura di E. De Minicis, Spoleto 2008, pp. 141 - 160; cfr. p. 150.
3 F. Sogliani / I. Marchetta, Un contesto medievale di Archeologia Urbana: le indagini nell’area della chiesa di San Giovanni Battista a Matera, in Francesco Panarelli (a cura di), Da Accon a Matera: Santa Maria la Nova, un monastero femminile tra dimensione mediterranea e identità urbana (XIII – XVI secolo), 2012, Munster, pp. 167-205, cfr. pp. 175 e 195.
4 Erminia Lapadula, o.c., cfr. p. 151 e tav. n. 13. Ivi riferimenti per ulteriori approfondimenti.
5 Franco Dell’Aquila, o.c. cfr pianta a p. 162, n. 24.

Disegni: pianta della chiesa e sezione lungo l’asse longitudinale.
Francesco Caputo, Angelo Lospinuso, Giuseppe Grossi

Maggiori dettagli fotografici sulla pagina Fb Ente Parco della Murgia Materana

Ordinanaza n. 8
Disciplina della circolazione veicolare in località Murgia Timone dal 12 gennaio al 31 dicembre 2019
leggi l’Ordinanza leggi l’Ordinanza
Ordinanza n. 8
Disciplina della circolazione veicolare in località Murgia Timone dal 12 gennaio al 31 dicembre 2019
Leggi l Leggi l
leggi l’Ordinanza leggi l’Ordinanza
Ordinanza n. 8
 Disciplina della circolazione veicolare in località Murgia Timone dal 12 gennaio al 31 dicembre 2019

image
Leggi l Leggi l
Leggi l Leggi l
Leggi l Leggi l
Leggi l Leggi l
Leggi l Leggi l
Leggi l Leggi l
Leggi l Leggi l
Leggi l Leggi l
leggi l’Ordinanza leggi l’Ordinanza
Case Ospitanti, un evento che avvicina la gente ai Sassi e al Parco
Se vuoi vedere le foto e i video di case Ospitanti 2018 vai sulla pagina Fb Ente Parco della Murgia Materana
image
Case Ospitanti: Il programma dettagliato in allegato
image 
scarica il programma scarica il programma
Case Ospitanti
imageA Matera ritorna per la IV edizione Case Ospitanti, il Trekking fatto in Casa.
Domenica 30 dicembre 2018.
A breve il programma dettagliato

Il Parco della Murgia Materana aderisce a "EUROPANOW!" con Case Ospitanti
image La Murgia del Parco Materano parla all’Europa mettendo in scena un’anteprima della 4° edizione dell’evento “Case Ospitanti”, che si terrà a Matera il prossimo 30 dicembre. Con la partecipazione all’iniziativa “EuropaNow! Una bandiera dell’Europa ad ogni finestra”, le case del trekking “fatto in casa” hanno aderito al messaggio “Case Ospitanti per un’Europa Ospitante”, esponendo la bandiera europea alla finestra. “L’originale iniziativa a sostegno dell’Europa – racconta Michele Lamacchia, presidente del Parco della Murgia Materana - sintetizza il messaggio di una Murgia che parla di cultura e inclusione sociale. Un messaggio che ci appartiene e che esprime una visione di apertura verso l’Europa e verso il mondo. Il Parco vuole tutelare non solo i confini territoriali, ma si apre all’Europa per andare oltre i confini naturali deIla nostra murgia, unendosi a quelli europei per diventare sempre più uniti. ll prossimo 30 dicembre, con l’evento “Case Ospitanti”, il Parco della Murgia aprirà i salotti delle case del centro storico a un pubblico discreto e, soprattutto, curioso di scoprire Matera, Capitale europea della cultura per il 2019. Le “Case Ospitanti” racconteranno la murgia materana anche attraverso una mostra fotografica itinerante, fil rouge che condurrà nelle diverse abitazioni. Le case saranno aperte agli artisti e alla musica, ai racconti, ai gusti e alle passioni dei luoghi per promuovere la conoscenza diretta del territorio. Un’esperienza unica che, già negli anni passati, ha riscontrato un notevole apprezzamento da parte dei turisti che hanno partecipato all’iniziativa del trekking fatto in casa”. Le case che hanno aderito al percorso sono silenziose e raccontano storie, gusti e passioni offrendo una straordinaria visione culturale. I salotti materani ospiteranno anche il giornalista europeista francese Eric Jozsef. “Questa iniziativa – ci dice Eric Jozsef, giornalista francese tra i fondatori di EuropaNow! – è un segno visibile di un cambiamento che chiede un’Europa sempre più unita e più aperta. Il fatto che questa richiesta parta anche da Matera, attraverso il messaggio “Case ospitanti per un’Europa ospitante” ha un significato particolare in quanto la città sarà capitale europea della cultura per il 2019. Mostra il segno di cosa sia avvenuto in questi anni e contemporaneamente intravede nella cultura la base di una crescita sociale. Sarò il primo a essere presente a Matera già il 29 dicembre e a visitare le mostre esposte nelle case, sicuro di vivere la calda accoglienza dei materani, proprio come è già avvenuto negli anni scorsi”.
ORDINANZA DIRIGENZIALE COMUNE DI MATERA
 Disciplina della circolazione veicolare in località Murgia Timane dal 1° dicembre al 6 gennaio 2019
Leggi l Leggi l
ordinanza 1pagina ordinanza 1pagina
Ordinanza 2pagina Ordinanza 2pagina
imageL’universo sensoriale dell’uomo di questi tempi è svilito come non mai: gli aromi chimici ci confondono costantemente, l’iperstimolazione dovuta alla presenza continua di dispositivi elettronici di ogni genere nella vita quotidiana ha portato ad una perdita di acutezza della vista e dell’udito. Abbiamo lentamente messo da parte il piacere di scoprire il mondo semplicemente toccandolo, assaporandolo, percependo ogni piccolo odore in cui siamo immersi. I nostri sensi, strumenti impareggiabili per una conoscenza non superficiale dell’ambiente e di noi stessi, hanno inoltre subito una profonda regressione a causa dei ritmi di vita cui siamo costretti. Ed è così che nasce "Impercezioni". Cinque installazioni per riportare l’attenzione su ogni singolo senso. Prova a riscoprire il potere delle sensazioni e rimettere in moto la tua intelligenza sensoriale. PROGRAMMA ֍ Venerdì 7 Dicembre 19:00 | Apertura mostra 21:00 | Letture a tema, a cura della Futura Compagnia SenzArte ֍ Sabato 8 Dicembre Mostra aperta dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 16:30 alle 00:00. 21:00 | Sessione di esplorazione musicale a cura de L’Altra Dimensione ֍ Domenica 9 Dicembre Mostra aperta dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 16:30 alle 21:00
Ritorna Case Ospitanti, il trekking fatto in casa
image
CASE OSPITANTI - IV edizione

MATERA
Domenica 30 Dicembre 2018 - dalle 18.30 alle 22:30

Il Trekking Fatto in Casa

APRI IL TUO “SALOTTO” PER CASE OSPITANTI 2018

Divenuto, come per la Matera/Montescaglioso, una “Classica del Parco”, la quarta edizione di “Case Ospitanti” si svolgerà a Matera domenica 30 dicembre c.a.
L’iniziativa rappresenta un itinerario culturale tra trekking e micro-eventi che si svolge nei salotti delle case degli abitanti dei Sassi. Un modo originale per fare di Matera e dei suoi abitanti la città della condivisione.

Nelle prime tre edizioni tanti sono stati i residenti dei due Rioni che hanno aperto le loro case ospitando attori, scrittori, musicisti, artisti.
Si vuole, con questo avviso, registrare la disponibilità di nuovi abitanti a concedere per il giorno 30 dicembre 2018 il proprio salotto per far parte del percorso di “Trekking Fatto in Casa”.

Tutti coloro che fossero interessati possono scrivere a esposito@parcomurgia.it comunicando la via dell’abitazione e un recapito mail o telefonico.

Le zone di ubicazione di “Case Ospitanti” devono essere comprese tra: Sasso Barisano – Arteria ‘700 – Civita – Sasso Caveoso.

Gli “escursionisti” potranno così, con l’ausilio di una mappa riportante tutte le “Case Ospitanti”, seguire un itinerario alla scoperta del Parco e dell’accoglienza riservata loro dai residenti nei Sassi.

Il Presidente
Dott. Michele Lamacchia

Progetto a cura di Luigi Esposito

informazioni:
Ente Parco della Murgia Materana Via Sette Dolori, 10 - 75100 Matera (MT) – Italia -Tel 0835 336166 (interno 4) E-Mail: info@parcomurgia.it - www.parcomurgia.it

Dott. Luigi Esposito Responsabile Attività Culturali - Ente Parco Murgia Materana - www.parcomurgia.it -esposito@parcomurgia.it - 0835/33.61.66 int. 4
image Si è svolto a Roma, qualche giorno fa, il nono congresso di Federparchi – Europarc Italia.
Analizzato è stato il tema “Parchi, comunità territorio e competenze; le sfide del futuro per le aree protette”.
Nell’ambito dell’incontro sono stati eletti i nuovi organi dirigenziali e nel nuovo Direttivo Nazionale sono stati inseriti i rappresentanti lucani dei Parchi Domenico Pappaterra, Presidente del Parco Nazionale del Pollino e Michele Lamacchia, Presidente del Parco della Murgia Materana.
Un grande riconoscimento, ha commentato il Presidente di Federparchi Basilicata, Mario Atlante per una regione piccola ma ricca di foreste e boschi
Uccisi due giovani Capovaccai partiti dal Parco della Murgia Materana
Era solo il 19 luglio 2018 quando a Matera, nella sala convegni dell’ Ente Parco della Murgia Materana, Giampiero Sammuri Presidente di FederParchi - Europarc Italia raccontava dell’importanza del Parco della Murgia Materana come uno dei sette siti italiani di nidificazione del Capovaccaio, specie in via di estinzione. L’evento, organizzato dall’ Ente Parco e da Federparchi-Europarc Italia era stato realizzato nell’ambito del progetto LIFE16 NAT/IT/000659 “Measures for the conservation of the Egyptian vulture in Italy and the Canary Islands” - LIFE EGYPTIAN VULTURE. Il progetto LIFE Egyptian vulture, che vede come beneficiario coordinatore E-Distribuzione e come beneficiari associati Federparchi-Europarc Italia, ISPRA, Regione Puglia, Regione Basilicata, Endesa, Gobierno de Canarias, Gesplan, risulta estremamente articolato nella tipologia di azioni previste ed interessa numerose aree di rilievo per la specie. Il Presidente Sammuri, in quella occasione, ribadiva l’importanza fondamentale dei Parchi per la realizzazione efficace di azioni concrete di conservazione previste dal progetto, per il monitoraggio della popolazione di capovaccaio e per la sensibilizzazione e coinvolgimento delle comunità locali. E invece a distanza di qualche settimana giunge una notizia “Abbattuto avvoltoio Capovaccaio appena rilasciato in natura, Ispra (Istituto Superiore per la ricerca e Protezione Ambientale) denuncia grave episodio di bracconaggio in Sicilia” Il 9 agosto, Bianca e Clara, questi i nomi dati alle due giovani femmine di Capovaccaio, erano state temporaneamente accolte ed ospitate presso le voliere del CRAS materano al fine di consentire il riposo dopo un lungo viaggio in macchina dalla Toscana a cura dell’ISPRA e con l’assistenza del direttore del CERM Guido Ceccolini e predisporre l’area destinata al loro ambientamento e rilascio nel Parco della Murgia materana. Dopo 22 giorni di permanenza nell’area del Parco della Murgia Materana, il 3 settembre le due giovani femmine avevano intrapreso la migrazione verso l’Africa giungendo dopo un percorso perfetto in Sicilia occidentale da dove avrebbero dovuto fare il passo più difficile attraversando il mare aperto per raggiungere la Tunisia. Il 9 settembre non lontano da Mazara del Vallo, un bracconiere ha stroncato la vita di Clara mettendo fine ad un ambizioso obiettivo di tutela e conservazione della specie che avrebbe consentito di avere nei prossimi anni altri potenziali riproduttori capaci di rafforzare l’esigua popolazione italiana concentrata ormai solo in Basilicata e Sicilia. Cosa ancora più assurda è il ritrovamento, dopo aver percorso in una sola tappa oltre 300Km, la distanza che separa la Sicilia dalla Tunisia Nord Africa anche del corpo di Bianca, il secondo animale, questa volta ucciso a causa di una carcassa avvelenata. Grazie ai dati del trasmettitore GPS/GSM con cui le due giovani erano state equipaggiate prima del rilascio è stato possibile scoprire e denunciare questi grave atti di bracconaggio e consentirne il recupero dei corpi. Nel primo caso il corpo del capovaccaio abbattuto illegalmente è stato posto sotto sequestro ed è stata aperta un’indagine per rintracciare gli autori del grave episodio. Grazie ai segnali GPS, infatti, sono noti luogo e momento dell’uccisione. Proprio il GPS consentirà di verificare la presenza di celle telefoniche nell’area dove è avvenuto l’abbattimento. Il capovaccaio è una delle specie più a rischio di estinzione a livello internazionale, figura infatti tra le specie "Endangered" della Lista Rossa delle Specie Minacciate (IUCN) e tra quelle “In Pericolo Critico” nella Lista Rossa dei Vertebrati Italiani. In Italia si è assistito al crollo drammatico della popolazione di questa specie, che è passata da diverse centinaia di coppie, all’inizio del Novecento, a meno di 20 ai giorni nostri. L’Ente Parco della Murgia, dichiara il suo Presidente Michele Lamacchia, impegnato nelle azioni di tutela di specie migratorie tra le quali la Cicogna nera, denuncia fermamente questi atti auspicando che i responsabili siano assicurati alla giustizia. E’ importante prosegue il Lamacchia, lavorare di concerto con Enti preposti per mettere in campo insieme azioni utili ad una migliore e puntuale tutela degli animali.
determina n. 76 del 15/11/2018 determina n. 76 del 15/11/2018
IL FALCO DEI SASSI
image
 A San Falcione gli scatti di Stefano Unterthiner, fotografo del National Geographic

Fino al 30 di settembre presso il complesso rupestre di San Falcione la splendida mostra fotografica sul Falco Grillaio, il piccolo rapace simbolo del rapporto simbiotico tra la città dei Sassi ed il Parco della Murgia Materana .
La mostra ripropone un servizio fotografico già pubblicato sul numero di febbraio del 2017 del National Geografic dedicato al grillaio che a Matera ha una delle colon...ie più grandi al mondo, dopo aver scontato nella seconda metà del secolo scorso auna paurosa diminuzione degli habitat a causa della diminuzione dei siti di nidificazione, della diffusione delle monocolture, e dell’uso intensivo dei pesticidi.
L’autore è Stefano Unterthiner, nato ad Aosta nel 1970, dal 2009 collaboratore del National Geografic e considerato una referenza nel mondo della fotografia naturalistica internazionale.
La mostra ospitata all’interno del complesso rupestre di San Falcione è visitabile ogni giorno ad eccezione del lunedì, dalle 10 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 19.30.
Ticket di ingresso: euro 1,00 (gratuito per gli under 18 ed i visitatori accompagnati dalle guide turistiche ed escursionistiche della Regione Basilicata).

Informazioni: 0835/332262

8 CICOGNE NERE NEL PARCO DELLA MURGIA MATERANA
 La tutela del territorio del Parco della Murgia Materana, continua a dare i suoi frutti. Lo scorso anno fu accertata la conclusione della riproduzione di questa rara e delicata specie, con l’involo di tre nuovi individui nati sulle ripide pareti della “Gravina”.
In questa stagione riproduttiva, sono stati avvistati contemporaneamente quattro individui sul fondo della Gravina, oltre uno al nido, intento a vigilare su tre giovani pulli, un avvistamento eccezionale per la contemporanea presenza di cinque adulti in periodo riproduttivo.
Quest’anno dei tre piccoli nati i primi di maggio, due sono arrivati in questi giorni alla entusiasmante fase dell’involo, mentre uno non ha superato le prime fasi di sviluppo. Le attività di monitoraggio condotte dal Parco confermano che la tutela del territorio esercitata dall’Ente, in virtù anche delle Direttive Europee per la protezione di Specie ed Habitat di interesse comunitario, rende il Parco un luogo accogliente e prezioso per la nidificazione di specie molto sensibili al disturbo antropico.
La coppia, presente da alcuni anni nel Parco, ha scelto una ripida parete della Gravina di Matera, per costruire il maestoso nido di rami. Infatti la scelta di pareti rocciose, spesso presenti lungo forre fluviali, è tipica per questa specie nell’areale meridionale di distribuzione. Il Parco della Murgia Materana offre alla Cicogna nera e ad altre specie in via d’estinzione, ambienti ben conservati e privi di pressioni antropiche, idonei alla delicata fase della nidificazione. La presenza del nido nella Gravina di Matera impone estremo rispetto per questi ambiti di particolare importanza faunistica, floristica e paesaggistica.
L’Ente Parco continuerà a preservare questo territorio intraprendendo attività di ricerca e realizzando azioni di conservazione di questi meravigliosi ospiti delle Gravine, ad iniziare dal rarissimo Capovaccaio (Neophron percnopterus), per il quale, proprio in questi giorni, viene avviato un progetto (LIFE EGYPTIAN VULTURE) interamente dedicato alla sua conservazione.

Il Presidente del Parco della Murgia Materana
Dott. Michele Lamacchia

Foto di Giuseppe Grossi

Questionario di Valutazione Ente Parco della Murgia Materana
Nella sezione "Documenti e Allegati al Piano" è possibile scaricare il questionario di valutazione dell’Ente Parco della Murgia Materana. Se vuoi, puoi scaricarlo, compilarlo e consegnarlo a mano presso la sede dell’Ente o i due CEA di Matera e Montescaglioso o inviarlo per posta elettronica all’indirizzo info@parcomurgia.it.
Grazie per la collaborazione.
Life Egyptian Vulture
imagePresentato ieri, 19 luglio, a Matera presso la sala convegni dell’Ente Parco della Murgia
Materana un workshop dal titolo “Il capovaccaio nel Parco. Il ruolo degli stakeholder”

L’evento, organizzato dall’Ente Parco e da Federparchi-Europarc Italia è stato realizzato nell’ambito del progetto LIFE16 NAT/IT/000659 “Measures for the conservation of the Egyptian vulture in Italy and the Canary Islands” - LIFE EGYPTIAN VULTURE.
Il progetto LIFE Egyptian vulture, che vede come beneficiario coordinatore E-Distribuzione e come beneficiari associati Federparchi-Europarc Italia, ISPRA, Regione Puglia, Regione Basilicata, Endesa, Gobierno de Canarias, Gesplan, risulta estremamente articolato nella tipologia di azioni previste ed interessa numerose aree di rilievo per la specie.
Affrontato quindi un tema importante da Giampiero Sammuri, Presidente di FederParchi -Europarc Italia che ha illustrato l’importanza del Parco della Murgia Materana come uno dei sette siti italiani di nidificazione di questo specie in via di estinzione
Il capovaccaio (Neophron percnopterus) figura tra le specie "Endangered" della Lista Rossa delle Specie Minacciate (IUCN) e tra quelle “In Pericolo Critico” nella Lista Rossa dei Vertebrati Italiani;
il progetto LIFE Egyptian vulture rappresenta il primo progetto interamente dedicato alla conservazione del capovaccaio mai intrapreso in Italia, coinvolgendo beneficiari che hanno un ruolo importante nella conservazione della specie, interessando numerose aree di rilievo per la specie
il progetto LIFE Egyptian vulture prevede il coinvolgimento dei Parchi nazionali e regionali dell’Italia meridionale che insistono nelle aree di progetto o in aree frequentate dal capovaccaio e, in particolare, prevede la creazione di un network permanente che renda possibile una sinergia nello sviluppo delle attività previste dal progetto e, più in generale, la realizzazione di attività in favore della conservazione del capovaccaio.

Federparchi, ha ribadito il suo Presidente Sammuri, riconosce l’importanza fondamentale dei Parchi per la realizzazione efficace delle azioni concrete di conservazione previste dal progetto, per il monitoraggio della popolazione di capovaccaio e per la sensibilizzazione e coinvolgimento delle comunità locali.

All’incontro di ieri, ha dichiarato il Presidente dell’Ente Parco della Murgia Materana Michele Lamacchia, seguiranno altre azioni per le attività future previste affinchè i Parchi lucani, che ospitano questa specie in via di estinzione, svolgano un ruolo di primo piano nella conservazione delle specie animali e vegetali e nella promozione di attività di educazione e di formazione 

PARCOMURGIA FILM 2018
image
 Martedì 17 luglio nella splendida arena naturale di Jazzo Gattini presso il centro di educazione ambientale di Matera, torna il Parco Murgia Film: cinema, musica e degustazioni sotto le stelle.

Inizio degustazione: 21.00 - Inizio film 22:00
Cinema e degustazione 9€ - Solo Cinema 4€
Sconto di 1€ a chi presenta alla cassa il biglietto d’ingresso della proiezione settimanale del Cinema in Terrazza 2018
Info: 347.1068973; 328.3524751

Martedì 17 luglio, a Jazzo Gattini presso il Centro Visite del Parco della Murgia Materana, torna il Parco Murgia film.
La rassegna è organizzata da Matera Cea, promossa da Ente Parco della Murgia Materana, con il sostegno della Fondazione Matera-Basilicata 2019, patrocinata da Comune di Matera e con selezione dei film a cura dell’associazione Cinergia .
Il Parco Murgia Film festeggia quest’anno il dodicesimo anno e lo farà con un calendario ricco di appuntamenti e ospiti d’eccezione.
La selezione di quest’anno ha preferito concentrarsi e dare spazio al cinema italiano, per valorizzare gli ottimi prodotti dell’ultima stagione cinematografica e allo stesso tempo rendere omaggio al lavoro di autori e interpreti materani.

Si parte martedì 17 luglio con Ammore e Malavita dei Manetti Bros., vincitore di 5 David di Donatello 2018, tra cui quello come miglior film.

Segnaliamo poi che :
Martedì 21 agosto, la rassegna sarà chiusa con Metti la nonna in freezer, il film dei due registi materani Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi, con la presenza del regista Giancarlo Fontana ;
Giovedì 9 agosto serata extra dedicata a Il Vangelo Secondo Mattei di Antonio Andrisani e Pascal Zullino, con la presenza del regista Antonio Andrisani.

Di seguito la scheda del primo film della rassegna , il calendario completo degli appuntamenti e in allegato la locandina della rassegna.

Da Scampia a Posillipo, Napoli agisce come un’amante: stordisce e innamora

Napoli è di nuovo palcoscenico e protagonista di un film dei Manetti Bros.
Una dichiarazione totale di amore per la città e le sue arti più popolari: la musica e il teatro sotto forma di sceneggiata che, pur rompendo il solco della tradizione, tornano finalmente protagoniste al cinema.
Vincitore di 5 David di Donatello 2018, tra cui il miglior film, Ammore e malavita è una storia di contrasti, amori forti e legami profondi che si snoda tra Posillipo e Scampia. Una città in cui la vita è essa stessa rappresentazione e la rappresentazione non può esistere senza la vita

17 Luglio: Ammore e Malavita dei Manetti Bros. (Italia 2017 - 133’)
24 Luglio: Easy - Un viaggio facile facile di Andrea magnani (Italia 2017 - 91’)
31 Luglio: Orecchie di Alessandro Aronadio (Italia 2016 - 90’)
07 Agosto: Gatta Cenerentola di Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Alessandro Rak, Dario Sansone (Italia 2017 - 86’)
14 Agosto: Finché c’è prosecco c’è speranza di Antonio Padovan (Italia 2017 - 101’)
21 Agosto: Metti la nonna in freezer di Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi (Italia 2018 - 100’) con la presenza del regista Giancarlo Fontana

Serata extra:
09 Agosto: Il Vangelo secondo Mattei di Antonio Andrisani e Pascal Zullino (Italia 2017 - 80’) con la presenza del regista Antonio Andrisani
Life Egyptian Vulture
imageProgetto LIFE16 NAT/IT/000659 “Measures for the conservation of the Egyptian vulture in Italy and the Canary Islands” - LIFE EGYPTIAN VULTURE. Invito workshop. L’Ente Parco e la Federparchi-Europarc Italia organizzano un workshop dal titolo “Il capovaccaio nel Parco. Il ruolo degli stakeholder”. L’evento è realizzato nell’ambito del progetto LIFE16 NAT/IT/000659 “Measures for the conservation of the Egyptian vulture in Italy and the Canary Islands” - LIFE EGYPTIAN VULTURE, primo progetto interamente dedicato alla conservazione del capovaccaio mai intrapreso in Italia.
Veniteci a trovare
image
 Anche il Parco della Murgia Materana sarà presente insieme ai 2 Centri Visita, CEA di Matera e Montescaglioso in uno stand a "Matera è Fiera". Veniteci a trovare. Matera 13 14 15 luglio 2018
Trekking Montescaglioso - Matera. Incontrando la notte
image
PARCOMURGIA FESTIVAL 2018
XIX edizione

MONTESCAGLIOSO - MATERA, sabato 7 Luglio (P. ore 19.00)

Un percorso all’imbrunire tra luci, profumi e colori diversi

Sabato 7 Luglio
DA MONTESCAGLIOSO A MATERA . Incontrando la notte
(Passando da Parco dei Monaci)
Percorso trekking all’imbrunire lungo il tratturo regio di Montescaglioso e il ciglio della Gravina con sosta a Parco del Monaci.
Arrivo: Piazzale Sant’Agnese, rione Agna Matera.
Partenza in autobus (FAL) da Matera per Montescaglioso, ore16.10 arrivo 16.52
ore 19.00 Partenza Trekking da Porta Sant’Angelo Montescaglioso
Iscrizione Ente Parco entro venerdì 6 luglio ore 12.00. 0835/336166 int. 4
Difficoltà: E - Km. 15
Attrezzatura consigliata: Torcia, zaino, borraccia, colazione, cappellino, scarpe da trekking

Con Angelo Lospinuso, Franco Caputo, Raffaele Lamacchia e Luigi Esposito
A Cura dell’Ente Parco della Murgia Materana in collaborazione con CEA Montescaglioso e Associazione Proprietari del Parco della Murgia Materana
Quota di Partecipazione per singolo percorso € 10
Numero minimo partecipanti 10

Informazioni e prenotazioni
Ente Parco Murgia Materana
Via Sette Dolori – 75100 Matera – tel 0835/336166 int. 4
info@parcomurgia.it
www.parcomurgia.it

Centro di Educazione Ambientale di Montescaglioso
Convento delle Benedettine, Piazza Racamato n. 1 – 75024 Montescaglioso
Fx 0835.201016 tel. 334.8360098 ceamonte@katamail.com
www.cea.montescaglioso.net
Accreditato presso “ Rete per l’Educazione alla Sostenibilità “ della Regione Basilicata.
Ritorna la Classica del Parco in due distinti percorsi
imagePARCOMURGIA FESTIVAL 2018
XIX edizione

PERCORSO MATERA - MONTESCAGLIOSO sabato 2 Giugno (P. ore 9) e
MONTESCAGLIOSO - MATERA, sabato 7 Luglio (P. ore 19.00)

2 percorsi tra luci, profumi e colori diversi

LE VIE FRANCIGENE LUCANE E L’ITINERARIO DEL MONACO GUIDONE

sabato 2 giugno
Partenza da Matera, Piazza S. Agnese, ore 9.00
da Matera a Montescaglioso seguendo l’antico tratturo
Percorso lungo il ciglio della Gravina con soste e visite a Cristo la Selva, guado Passarelli, chiese rupestri del Vallone della Loe.
Ultimo tratto lungo il tratturo regio di Montescaglioso e conclusione nell’Abbazia Benedettina di S. Michele Arcangelo.
Iscrizione Ente Parco entro venerdì 1 giugno ore 12 - 0835/336166 int. 4
Difficoltà: E - Km. 23
ore 17.00 Arrivo degli escursionisti in Abbazia Benedettina S. Michele Arcangelo
ritorno in autobus FAL con partenza ore 20,00
Attrezzatura consigliata: zaino, borraccia, colazione, cappellino, scarpe da trekking


Sabato 7 Luglio
DA MONTESCAGLIOSO A MATERA ATTRAVERSANDO LA SERA LUNGO L’ANTICO TRATTURO
(Passando da Parco dei Monaci)
Percorso trekking all’imbrunire lungo il tratturo regio di Montescaglioso e il ciglio della Gravina con sosta a Parco del Monaci. Arrivo: Piazzale Sant’Agnese, rione Agna Matera.
Partenza in autobus (FAL) da Matera per Montescaglioso, ore16.10 arrivo 16.52
ore 19.00 Partenza Trekking da Porta Sant’Angelo Montescaglioso
Iscrizione Ente Parco entro venerdì 6 luglio ore 12.00. 0835/336166 int. 4
Difficoltà: E - Km. 15
Attrezzatura consigliata: Torcia, zaino, borraccia, colazione, cappellino, scarpe da trekking


Con Angelo Lospinuso, Franco Caputo, Raffaele Lamacchia e Luigi Esposito
A Cura dell’Ente Parco della Murgia Materana in collaborazione con CEA Montescaglioso e Associazione Proprietari del Parco della Murgia Materana
Quota di Partecipazione per singolo percorso € 10
Numero minimo partecipanti 10



Informazioni e prenotazioni
Ente Parco Murgia Materana
Via Sette Dolori – 75100 Matera – tel 0835/336166 fax 0835/337771
info@parcomurgia.it
www.parcomurgia.it

Centro di Educazione Ambientale di Montescaglioso
Convento delle Benedettine, Piazza Racamato n. 1 – 75024 Montescaglioso
Fx 0835.201016 tel. 334.8360098 ceamonte@katamail.com
www.cea.montescaglioso.net
Accreditato presso “ Rete per l’Educazione alla Sostenibilità “ della Regione Basilicata.

Ordinanza del Comune di Matera sulla viabilità a Murgia Timone
 Ordinanza del Comune di Matera sulla viabilità a Murgia Timone
ordinana foglio n. 1 ordinana foglio n. 1
Ordinanza foglio n. 2 Ordinanza foglio n. 2
Sentieri
Matera, 19 Aprile 2018. I vertici dell’Ente Parco esprimono notevole stupore e disappunto per aver appreso da fonti esterne la notizia apparsa sulla stampa circa la realizzazione di lavori definiti “non autorizzati” nell’area del Parco, notizia, peraltro, diffusa in assenza di alcuna comunicazione all’Ente di tali procedimenti. Ancora maggiore è il disappunto nell’apprendere, sempre dalla stampa, che i militari della stazione carabinieri forestali avrebbero denunciato i responsabili dell’Ente per aver effettuato questi lavori “abusivamente”. Si ribadisce che i lavori in questione non sono affatto abusivi ma regolarmente autorizzati dal Comune di Matera con permesso a costruire per lavori da effettuare sul piazzale del Belvedere e interventi sulla sentieristica di Murgia Timone, rilasciato in data 27/12/2016; gli stessi sono corredati di parere favorevole della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio in data 12/12/2016 e di Valutazione di Incidenza Ambientale rilasciata in data 18/04/2017 dal Dipartimento Ambiente per la riqualificazione dei sentieri e dei percorsi pedonali nel territorio del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri. Documenti ampiamente già messi a disposizione degli organi di controllo. Tale progetto, tra l’altro, è stato approvato e finanziato con fondi FESR dalla Regione Basilicata e riguardanti in particolare non la realizzazione di nuovi sentieri ma esclusivamente interventi di manutenzione sulla sentieristica storica esistente ed apposizione di cartellonistica nel totale rispetto del Piano del Parco. Siamo, altresì, sorpresi nell’apprendere questioni relative al Vincolo Idrogeologico dal momento che l’area oggetto di intervento non è inclusa e non è riportata cartograficamente tra le aree sottoposte a tale vincolo e quindi non a vincolo ex R.D. 3267 del 1923, ricordando che la cartografia è l’unico documento ufficiale che indica l’apposizione e la efficacia di tale vincolo. Tanto si doveva per riportare la discussione nell’alveo della giusta e corretta informazione e per interrompere con fermezza un’attività lesiva dell’immagine di un Ente che espleta, con mille difficoltà, e nel migliore dei modi, la mission che gli compete da statuto. Il nostro Ente costituisce un modello a livello nazionale per le buone pratiche in campo naturalistico tanto da essere stato inserito nella Piattaforma delle Conoscenze del Ministero dell’Ambiente. Pertanto L’ente Parco attiverà con immediatezza ogni iniziativa e procedura per tutelare la propria immagine, i propri operatori ed i propri diritti. L’Ente Parco della Murgia Materana
Le Buone Pratiche nei Parchi
imageLE BUONE PRATICHE nei PARCHI MATERA APRILE 2018.
Incontro tra il Parco Regionale della Murgia Materana e il Parco Regionale della Maremma Uno scambio di buone pratiche, ecco ciò che per due giornate, il 13 e 14 aprile, è avvenuto nel Parco della Murgia Materana tra i responsabili del Parco regionale lucano, e i responsabili del Parco Regionale della Maremma.
Due giornate intensissime di confronti, discussioni, con visite in campo, verifica della sentieristica, incontri con le guide, con responsabili dei Centri Visite di Matera e Montescaglioso, con i proprietari dei terreni presenti in area Parco e, un appuntamento pubblico nella bellissima grancia di Parco dei Monaci, su temi comuni legati alla presenza antropica.
Gli interventi di Lucia Venturi, Presidente Parco Regionale della Maremma di Enrico Giunta, Direttore Parco Regionale della Maremma hanno presentato Le buone pratiche di un’area protetta, quella toscana che dal 1975 viene gestita con criterio, tenendo presente i valori della tutela e della promozione del territorio con un occhio attento alla stessa comunità che vive all’interno dei 10.000 ha. del Parco.
Buone pratiche che hanno contribuito a far ricevere nel 1992 il Diploma Europeo, speciale riconoscimento dal punto di vista conservazionistico conferito dal Consiglio d’Europa, che viene rinnovato ogni anno e che riguarda solo altre 6 aree protette italiane Del Parco della Murgia Materana sono intervenuti Michele Lamacchia, Presidente Parco Regionale della Murgia Materana e Enrico Luigi De Capua, Direttore Parco Regionale della Murgia Materana che oltre ad accompagnare sui sentieri appena riaperti, hanno presentato le azioni in atto e le criticità di un’area sottoposta a forte antropizzazione.

Tra i temi in esame, la tutela di un’area come quella di Murgia Timone sottoposta a continua presenza antropica, il miglioramento della rete sentieristica e non ultimo ampia discussione è stata data all’emergenza cinghiali che nel Parco della Maremma, dice il Comandante del corpo dei Guardia Parco, Luca Tonini, viene controllata e gestita attraverso la cattura degli stessi con l’utilizzo di appositi recinti in alternativa all’abbattimento selettivo.
“Un tema, quello dei cinghiali, che insieme ad altre emergenze deve essere affrontato al più presto, afferma il Presidente Michele Lamacchia, facendo tesoro dell’esperienza che da anni in altre aree protette applicano.
La cattura si conferma essere il metodo migliore per affrontare e risolvere un problema che si riscontra non solo nella nostra area ma, in Basilicata e su tutto il territorio nazionale”.
All’incontro pubblico è intervenuto anche l’Assessore all’Ambiente della Regione Basilicata, Francesco Pietrantuono che dopo aver ascoltato attentamente tutti gli interventi ha auspicato l’attuazione di azioni comuni alle aree protette di Basilicata e ad interventi risolutori legati alla gestione dell’emergenza cinghiali
Foto Foto
foto2 foto2
foto3 foto3
Workshop Fotografici Naturalistici Pixcube.it
image
Workshop Fotografici Naturalistici Pixcube.it , in collaborazione con Federparchi EUROPARC e Parco della Murgia Materana. Il Workshop Fotografico nel Parco della Murgia Materana si terrà nei giorni 28 e 29 Aprile 2018. Grazie a questa attività è possibile educarsi e avvicinarsi con gli occhi dei più esperti alle unicità dei nostri Parchi. Attraverso la fotografia e le immagini educhiamo i partecipanti alla corretta valorizzazione dell’ambiente naturale, nonché dei valori storici, culturali e sociali. I Workshop (la cui durata è sempre dalle 13:30 del sabato pomeriggio fino alle 15.30 della domenica) sono tenuti da professionisti, in grado di condividere con semplicità la propria esperienza ed il proprio sapere naturalistico. Appuntamenti unici che introducono alla tecnica di ripresa fotografica e sostengono, promuovono il paesaggio naturale e culturale dell’area protetta.
il programma il programma
n.1 n.1
n.2 n.2
n.3 n.3
n.4 n.4
n.5 n.5
Confermato il Trekking Olivarum. Sabato 24 marzo 2018
Confermato il Trekking di domani, sabato 24 marzo.
L’Ente Parco della Murgia Materana, in occasione del Premio OLIVARUM 2018, organizza sabato 24 marzo l’escursione
Da Parco dei Monaci fino all’Abbazia di Montescaglioso, rientrante nel programma di ParcoMurgiafestival 2018.
Il tema dell’escursione è il paesaggio dell’olivicoltura, che vede la grancia e l’oliveto di Parco dei Monaci come principale centro di produzione olivicola dell’Abbazia benedettina di S. Michele Arcangelo di Montescaglioso.
Lunghezza percorso: km 8 Dislivello: 290 m Tempo: 3,50 ore circa
Appuntamento per l’autobus che ci porterà a Parco dei Monaci, luogo di partenza del trekking:
- per chi viene da Montescaglioso l’appuntamento è alle ore 14,00 da Via Giovanni XXIII
- per chi viene da Matera l’appuntamento è alle ore 14,45 in Piazza della Visitazione a Matera (di fronte alla Scuola Media Torraca).
Autobus gratuito messo a disposizione dall’Ente Parco della Murgia.
Rientro. La partenza da Montescaglioso per Matera in autobus è prevista per le ore 22.30. il pomeriggio, in Abbazia è prevista la festa di Olivarum (vedi programma).
Prenotazione obbligatoria, entro le ore 19 di venerdì 23 marzo, al seguente numero 3348360098 o orari ufficio tel 0835/336166 int. 4
Consigli utili per il Trekking: calzare scarponi da trekking o comunque scarpe chiuse. Portare acqua da bere, giacca a vento, cappellino

Basilicata Wolf To Wolf
 
image
Outdoor Expo. Bologna 2-4 marzo 2018
 Il Parco della Murgia Materana insieme agli altri Parchi della Basilicata, con il coordinamento dell’APT di Basilicata, partecipa a OUTDOOR EXPO 2018 dal 2 al 4 marzo a Bologna.

Outdoor Expo 2018 è un appuntamento immancabile per gli appassionati di sport, turismo e attività all’aria aperta da provare e toccare con mano.
Dal professionista alla famiglia in cerca della perfetta esperienza Outdoor, passando per praticanti, neofiti e semplici curiosi.
3 giorni interamente dedicati a performance, demo, test experience, competizioni agonistiche, incontri, dibattiti e workshop legati al mondo Outdoor.
image
Ritorna La Notte dei Cuci Bocca. Montescaglioso
image Riti e tradizioni di Montescaglioso e del Parco della Murgia Materana. 
5 gennaio 2018. Montescaglioso, dalle ore 19
Il Programma Il Programma
il 29 e 30 dicembre ritorna la terza edizione di Case Ospitanti
image Il 29 e 30 dicembre per il ParcoMurgia Festival, ritorna per il terzo anno Case Ospitanti, un modo nuovo per conoscere il territorio e i suoi abitanti. Sarà l’architettura esterna ed interna dei Sassi e dell’arteria settecentesca, la conoscenza dei suoi abitanti e del grado di ospitalità degli stessi, il tema di questa edizione.

>> Programma aggiornato Case Ospitanti 2017

E’ la proposta invernale con il quale il Parco della Murgia Materana vuole consolidare il legame tra l’area protetta istituita con Legge Regionale n. 11 del 3 aprile 1990 e il centro abitato. Un percorso fotografico itinerante esposto nelle case dei Sassi.

Quest’anno si racconta nelle case ospitanti, attraverso gli scatti fotografici di Stefano Unterthiner, la presenza nel nostro territorio del Falco Grillaio, un vero abitante culturale. La mostra propone alcuni degli scatti riportati all’interno di un bellissimo articolo, a firma dello stesso Unterthiner, pubblicato nel giugno 2017 sulla prestigiosa rivista del National Geographic.

“Case Ospitanti”, oltre al percorso fotografico coinvolgerà musicisti, poeti e artisti che realizzeranno nei salotti, microeventi della durata di 15’ che si ripeteranno ogni 30’.
Gli “ospiti” potranno così, con l’ausilio di una mappa riportante tutte le “Case Ospitanti”, seguire un itinerario alla scoperta del Grillaio e dell’accoglienza riservata loro dai residenti nei Sassi.

Nell’ambito di “Case Ospitanti”, l’Ente Parco darà continuità al progetto: DONA UN LIBRO ALLA BIBLIOTECA DI PARCO DEI MONACI. Tutti coloro che vorranno contribuire all’allestimento della biblioteca di Parco dei Monaci, oggi adibito a Centro visite, potranno donare testi riguardanti l’ambiente, il territorio e le tradizioni del mondo, al personale del Parco presente in ogni “Casa Ospitante”.

Il 29 dicembre sarà possibile ammirare in anteprima tutta l’intera mostra di Stefano Unterthiner in Casa Cava. Per l’occasione ci faranno compagnia le voci sarde dei Tenores di Orosei, una delle più note formazioni Vocali Sarde, che, nel Panorama Internazionale della Musica Etnica e Religiosa, è riuscita a ritagliarsi un posto di preminenza. >> Programma e informazioni
Vedi la mappa delle Case Ospitanti Vedi la mappa delle Case Ospitanti
PARCOMURGIA FESTIVAL 2017 - CASE OSPITANTI - 29 DICEMBRE C.A.
image"Le voci della Sardegna", a cura dei "Tenores di Orosei"

Mostra fotografica di Stefano Unterthiner, "Il Grillaio a Matera"

Ore 20:00, Casa Cava, Sasso Barisano, Matera

Ingresso libero
Locandina Locandina
Un Riconoscimento alla professionalità
Sono 67, le guide escursionistiche e turistiche iscritte in ordine temporale nell’ELENCO UFFICIALE delle Guide del Parco della Murgia Materana . Guide Escursionistiche e Guide Turistiche già abilitate come da L.R. n 27 del 1989 e L.R. n. 35 del 1998 ed in possesso dell’iscrizione all’elenco regionale delle professioni suddette che, per acquisire il titolo di specializzazione di Guida del Parco della Murgia Materana, hanno dovuto seguire un intenso corso di approfondimento e conoscenza del territorio e sostenere, successivamente, un esame. Ciò affinchè, un’area protetta come quella del Parco della Murgia Materana, istituita con Legge Regionale n. 11 del 3 aprile 1990, direttamente collegata, cosa unica in Italia, al suo centro storico, riconosciuta nel 1993 dall’ UNESCO come Patrimonio Mondiale dell’Umanità, potesse avere dei professionisti in grado di guidare, condurre, accompagnare i numerosi ospiti che annualmente visitano questo scrigno di natura e storia. A loro, professionisti del turismo e del trekking, va anche il merito di un continuo controllo e tutela del territorio. E’ per tale motivo che il giorno 11 dicembre alle ore 18.30 presso la Chiesa del Cristo Flagellato, a Matera, nell’ambito della presentazione della nuova pubblicazione collana ParcoMurgia dal titolo “Il Paleolitico nell’area materana nel contesto geologico ambientale” verrà assegnata alla figura della Guida del Parco della Murgia Materana un riconoscimento ufficiale per l’alta professionalità acquisita a tutela del patrimonio storico naturalistico. Il Presidente Ing. Pier Francesco Pellecchia
Il documento del Presidente Il documento del Presidente
Le guide del Parco1 Le guide del Parco1
Le guide del Parco2 Le guide del Parco2
III EDIZIONE "CASE OSPITANTI" - 30 DICEMBRE 2017
imageAPRI IL TUO “SALOTTO” PER CASE OSPITANTI 2017

Divenuto, come per la Matera/Montescaglioso, una “Classica del Parco”, la terza edizione di “Case Ospitanti” si svolgerà a Matera il 30 dicembre c.a. L’iniziativa rappresenta un itinerario culturale tra trekking e micro-eventi che si svolge nei salotti delle case degli abitanti dei Sassi. Un modo originale per fare di Matera e dei suoi abitanti la città della condivisione.

Avviso Pubblico Avviso Pubblico
Modello comunicazione disponibilità Modello comunicazione disponibilità
La chiesa rupestre di Madonna della Croce
image
INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE
DELLA CHIESA RUPESTRE “MADONNA DELLA CROCE”

Presentati ieri nel corso di una conferenza stampa i primi risultati

L’Ente Parco della Murgia Materana attenta anche al recupero dei Beni Culturali presenti all’interno dell’area protetta, ha destinato fondi propri per il recupero di una delle più belle chiese rupestri di tutto il comprensorio murgico, la chiesa della Madonna della Croce (coordinate Gauss Boaga 2 657 014 - 4 502 228) che risulta essere anche la tappa conclusiva dell’itinerario trekking catalogato con il sentiero n. 408.
In sinergia con altri Enti è iniziata la riqualificazione della Chiesa e della zona circostante mediante un “progetto pilota” che prevede, attraverso il coinvolgimento di studiosi, tecnici ed esperti, scavi archeologici, pulizia, restauro e manutenzione della chiesa rupestre e dell’affresco in esso contenuto.

Il Presidente dell’Ente Parco della Murgia Materana
Ing. Pier Francesco Pellecchia

Nell’ambito del Progetto Chora – Laboratori di Archeologia in Basilicata (resp. progetto Prof.ssa F. Sogliani), coordinato dalla Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera, in partenariato con l’Università di Roma di Tor Vergata e l’Ecole Pratique des Hautes Etudes di Parigi, sono previsti per Matera e per il territorio circostante, comprendente l’area del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano, conosciuto come Parco della Murgia Materana, due assi di intervento riguardanti il primo la Carta storico-archeologica di Matera e dell’area periurbana e il secondo l’Atlante digitale del patrimonio rupestre. Per quest’ultimo in particolare è in corso un’intensa attività di documentazione integrata consistente nella catalogazione completa delle strutture rupestri attraverso campagne di schedatura, rilievo tridimensionale e fotomodellazione. A tale scopo è dedicata una borsa di studio per il completamento della formazione scientifica dal titolo “Progetto Chora. Laboratori di Archeologia in Basilicata. Fotomodellazione Tridimensionale, Rendering 3D, Rilievo dell’insediamento rupestre di Matera”.
Nell’ambito dell’attività di ricerca per la redazione della Carta storico-archeologica di Matera si è svolta la prima campagna di ricognizioni archeologiche sistematiche sulla Murgia antistante la città di Matera, realizzata dalla Scuola di specializzazione in Beni Archeologici di Matera nell’ambito del progetto “CHORA, Laboratori di Archeologia in Basilicata” con il sostegno del Parco Archeologico, Storico, Naturale delle Chiese Rupestri del Materano istituito con Legge Regionale n. 11 del 3 aprile 1990. La ricognizione ha avuto inizio nelle aree campione di Murgia Timone, San Falcione, San Vito e Madonna delle Croci con l’obbiettivo di creare la carta delle tracce archeologiche nel loro aspetto diacronico e di valutare la potenzialità informativa dei contesti stratificati. Il progetto è propedeutico alle attività di scavo archeologico che dovranno iniziare a breve nell’area della chiesa di Madonna delle Croci.
La ricognizione ha dato numerosi risultati individuando decine di unità topografiche, tra tumuli, aree di frammenti fittili e rinvenimenti propri del paesaggio rupestre, ossia chiese e asceteri rupestri, documentati con un approccio metodologico innovativo riguardante la documentazione digitale in 3d delle strutture conservate e la puntuale mappatura georeferenziata dei loro areali di dispersione di frammenti fittili.
Al fine di rispettare uno degli assi del Progetto Chora, ovvero quello relativo alla comunicazione dei dati scientifici al pubblico, i dati della ricerca saranno inseriti in un portale web dedicato al patrimonio archeologico della Basilicata, output finale del Progetto.
Per offrire un prodotto di fruizione altamente innovativo, funzionale ad una divulgazione quanto più estesa e efficace del patrimonio archeologico e culturale legato all’insediamento rupestre di Matera, la Scuola di Specializzazione, nell’ambito del Progetto CHORA, intende proseguire verso attività di sviluppo di soluzioni di realtà virtuale applicate al patrimonio rupestre.

PROGETTO ARCHEOLOGICO MATERA MURGE SURVEY
Direttore scientifico: Dimitris Roubis
Coordinamento attività sul campo:
Luisa Aino, Ester Annunziata
"La Cavalcata del Borbone" edizione 2017
image La Cavalcata del Borbone
Rievocazione storica in costume dell’arrivo a Montescaglioso (MT) di Re Carlo di Borbone nel 1735.
Montescaglioso 15 Ottobre 2017

Programma
ore 11,00/16,00 Salone del falcone. Abbazia S. Michele
ore 11,00 Partenza del corteo: nobili, monaci e popolani. Abbazia S. Michele
ore 11,15 Partenza del corteo dell’esercito da viale A. Moro, ex Municipio
ore 11,30 Presentazione personaggi del corteo (Piazza Roma)
ore 11,45 Sfilata del corteo per le vie principali e omaggio finale al Re
ore 16,00/17,00 Arte della falconeria: lezione didattica, Abbazia S. Michele
ore 17,00/18,00 Teatro falconeria, a cura dei Falconieri della Grancia di Brindisi di Montagna, Abbazia di S. Michele
ore 19,00 e 20,00 “ Fleur “: festa barocca, Corso Repubblica e Piazza Roma

Mostra Abbazia, Sala del Capitolo: Il viaggio di Carlo di Borbone da Napoli a Palermo nel 1735

Città di Montescaglioso
Associazione “La Cavalcata del Borbone”

Organizzazione, logistica, allestimenti: Comune di Montescaglioso, Associazione Cavalcata del Borbone, CooperAttiva
Collaborazione: Protezione Civile – Montescaglioso (MT)
Grafica: Mauro Bubbico

Info: tel. 0835 201016 / cell. 3348360098
ceamonte@katamail.com
RITORNA LA FESTA DEGLI AQUILONI
 Anche quest’anno torna nel Parco della Murgia Materana la festa del Divertimento Pulito in natura. La manifestazione si terrà Domenica 1 Ottobre 2017 dalle ore 10:00 alle 18:00, a Matera, presso Jazzo Gattini (Località Murgia Timone).
image
NO ALL’IPOTESI DEL SITO UNICO DI SCORIE NUCLEARI IN BASILICATA
imageGià in data 23 giugno 2015 l’Ente Parco della Murgia Materana, gridava un deciso e forte allarme ponendo all’attenzione della comunità il rischio di un deposito di scorie nucleari in Basilicata.

Venerdì 8 settembre 2017, con delibera n. 24, il Consiglio Direttivo dell’Ente Parco, all’unanimità, ha ribadito con forza la contrarietà all’ipotesi del sito unico di scorie nucleari in Basilicata condividendo e sottoscrivendo le osservazioni per i piani/programmi e progetti sottoposti a procedimenti di valutazione ambientale di competenza statale, per l’invio al Ministero dell’Ambiente.
Il Parco della Murgia Materana, come Istituzione, avverte la necessità infatti di porre l’attenzione verso l’ennesimo attacco contro il territorio della Basilicata, la sua bellezza, il suo valore culturale.

Ci attiveremo con tutte le nostre energie per difendere il patrimonio in pericolo, la salute dell’ambiente e il nostro benessere individuale e collettivo

Il Presidente dell’Ente Parco Murgia Materana
Pierfrancesco Pellecchia




ENTE PARCO DELLA MURGIA MATERANA IN ALLARME PER L’ARRIVO DI 53000 TONNELLATE DI PET-COKE ALL’ITALCEMENTI DI MATERA
In merito a quanto appreso dalla stampa locale circa l’arrivo e l’utilizzo di notevoli quantità di pet-coke destinate all’impianto produttivo Italcementi di Matera, si esprime, come già in altre occasioni evidenziato e ribadito, forte preoccupazione per la salubrità dei luoghi, la salute della popolazione e l’integrità dell’intero ecosistema ambientale.
Comunicato Stampa Comunicato Stampa
gazzetta 29 Agosto 2017 gazzetta 29 Agosto 2017
Il quotidiano 29 Agosto 2017 Il quotidiano 29 Agosto 2017
La nuova del Sud 29 Agosto 2017 La nuova del Sud 29 Agosto 2017
Bell’Italia - agosto 2017
image
Sulla rivista Bell’Italia - numero di agosto, è presente un interessante articolo su Matera e sul santuario di Santa Maria della Palomba.
Dal seguente link, è possibile scaricare l’articolo.

Articolo Articolo
Expo Astana dai territori - E...state nei parchi e nelle aree protette della Basilicata 2017
Venerdì 4 Agosto dalle ore 9:00 presso Masseria Radogna - CEA di Matera, attraverso un percorso nel "Parco archeologico, storico, naturalistico delle Chiese rupestri del materano" che condurrà alla scoperta dei siti di maggior interesse dell’area di Murgia Timone, si effettueranno giochi ed esperimenti che consentiranno di riflettere sulle tematiche legate all’energia.
Si evidenzieranno le tecniche antiche di produzione ed uso delle diverse fonti di energia, per poi immaginare uno scenario futuro che soddisfi i bisogni energetici senza compromettere gli equilibri ecologici alla base della vita sulla Terra.

image
Ritorna il Parco Murgia Film
imageTorna il consueto appuntamento con il cinema sotto le stelle del parco. L’antico e monumentale ovile di jazzo Gattini simbolo delle secolari attività pastorali della Murgia Materana, oggi sede del Centro Visite del Parco, si trasformerà ogni martedì dall’11 luglio al 29 agosto in una arena cinematografica per proporvi film passati troppo in fretta o non proposti nelle consuete sale cinematografiche. Seguendo una formula ormai collaudata, alle proiezioni si accompagneranno e si abbineranno delle degustazioni di prodotti e piatti locali ed internazionali che formeranno un vero e proprio itinerario nel mondo dell’enogastronomia regionale ed internazionale.

Il programma:

11 luglio - La Guerra dei Cafoni di Davide Barletti e Lorenzo Conte (Italia 2017) 90’ - distribuzione Ismaele Film
18 luglio - Regali da uno sconosciuto di Joel Edgerton (USA 2015) 108’ - distribuzione Eagle Pictures
25 luglio - Sing Street di John Carney (Irlanda 2016) 106’ - distribuzione BIM
01 agosto - La notte che mia madre ammazzò mio padre di Inès Paris (Spagna 2017) - distribuzione ExitMedia
08 agosto - American Pastoral di Ewan McGregor (USA 2016) 126’ - distribuzione Eagle Pictures
15 agosto - Lolo - Giù le mani da mia madre di Julie Delpy (Francia 2015) 99’ - distribuzione M2 Pictures
22 agosto - Libere disobbedienti e innamorate di Maysaloun Hamoud (Israele/Francia 2016) 96’ - distribuzione Tucker Film
29 agosto - The Secret Reunion di Hun Jang (Korea 2010) 116’ - distribuzione Tucker Film

ore 21:00 degustazione
ore 22:00 cinema
cinema e degustazione € 9,00
solo cinema € 4,00
info: 3471068973 - 3471737346
www.parcomurgiafilm.it

Come raggiungerci:
Da Matera S.S. 7 direzione Taranto KM 583 svoltare per Jazzo Gattini - Centro di Educazione Ambientale. (Zona Belvedere)
COORDINATE GPS di JAZZO GATTINI
N 40° 40′ 333″    E 16° 37′ 727″
MASSERIE IN FESTA, 21 Luglio 2017
image
Venerdì 21 Luglio, presso il Centro Visite Parco dei Monaci, si terrà il terzo appuntamento "Masserie in festa" della rassegna PARCOMURGIA FESTIVAL 2017, all’insegna di trekking, laboratori, degustazioni e musica.
Il programma:

Il Trekking
IL SANTUARIO DI CRISTO LA SELVA
Visita alla chiesa rupestre di “Cristo la Selva” che insieme alla “ Madonna della Murgia” costituisce uno dei principali santuari rupestri del Parco della Murgia Materana.
Ore 17.00 - Appuntamento a Parco dei Monaci
ore 17.30 - Partenza escursione da Parco dei Monaci
Ritorno ore 19.30 a P.M.
Difficoltà: T

Ore 19.30: I Laboratori
Bambini in sella: Momento dedicato ai più piccoli, che in compagnia di “Chiarina” la pony e “Briccone” il Mulo potranno passeggiare a cavallo in un breve percorso accompagnati da un istruttore dell’Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali

Ore 20.00
SULLE ORME DI SAN GIACOMO MAGGIORE: IL CAMMINO DEI CAMMINI (Ingresso Libero)
conversazione con Emanuele Pisarra, Geografo, Guida ufficiale del Parco del Pollino, giornalista e Accademico del GISM (Gruppo italiano Scrittori di Montagna).

Ore 21.30: Cena. I Sapori del parco (aperta a tutti) - Quota di partecipazione: Euro 15

Ore 21.30 (Ingresso Libero)
Balca Bandanica in Musica Balcanica
Mike Lovito, Tromba – Vincenzo Tancredi, chitarra – Francesco Bomparola, basso – Walter Vitale, batteria/theremin

Informazioni:
Per partecipare al trekking è indispensabile prenotarsi 0835/336166 int.4
max. 50 persone

CENA aperta a tutti 15 €. Indispensabile prenotare entro e non oltre il 21 Luglio 2017 ore 12.00 telefonando allo 0835/336166 int. 4, o recandosi presso la Cartolibreria Montemurro - Via delle Beccherie, 69 tel. 0835/333411


Centro Visite PARCO DEI MONACI - SS 175 Matera – Montescaglioso

N.b : per effettuare l’escursione è consigliabile l’utilizzo di: cappellino, acqua, pantaloni lunghi e scarpe da trekking.
L’escursione è consigliata ai bambini di età superiore ai 7 anni. 


Sul link che segue è possibile scaricare il Menù della serata!!
Menù 21 Luglio Menù 21 Luglio
PICCOLE CICOGNE PRONTE PER SPICCARE IL VOLO NEL PARCO
imageLe tre piccole Cicogne, nate i primi di maggio sulle pareti della Gravina, sono pronte all’involo. Per la prima volta, potranno volteggiare sul territorio Parco della Murgia Materana, un’area di quasi 8000 ettari dove la trasformazione del territorio da parte dell’uomo si è arrestata con l’istituzione dell’Area Protetta, preservando testimonianze e presenze di altissimo valore storico, archeologico e naturale.
Il ruolo dell’Ente Parco, per la concreta conservazione di queste specie e dei loro siti di nidificazione, risulta rilevante, al fine di scongiurare possibili cause di insuccesso o di abbandono del nido, in quanto alcune specie, come nel caso della Cicogna nera, utilizzano lo stesso nido per tutta la vita se le condizioni ideali alla nidificazione restano tali.
Compito dell’Ente è conservare tali condizioni favorevoli per la specie ed in particolare preservare gli habitat indispensabili al suo mantenimento in Natura e scongiurare tutte le possibili interferenze dell’uomo con la vita di questa specie presente in Basilicata con il maggior contingente di tutta Italia.
Le tre nuove Cicogne ricorderanno bene lo splendido territorio del Parco, e quindi speriamo che un giorno possano tornare in Basilicata per una nuova nidificazione incrementando il numero di coppie ed il valore naturalistico del territorio lucano.
Un ringraziamento va a tutti i frequentatori del Parco sempre rispettosi della Natura e delle innumerevoli emergenze storico-archeologiche racchiuse nel Parco della Murgia Materana.

Il Presidente del Parco della Murgia Materana
Pier Francesco Pellecchia
MASSERIE IN FESTA, 7 Luglio 2017
imageVenerdì, 7 Luglio, Centro Visite PIANELLE

Il Trekking
JAZZO BARONE E IL GIARDINO DELL’INCOLTO
ore 17.00 Appuntamento al Centro Visite Pianelle
ore 17.30 - Partenza escursione da Pianelle
ore 19.30 - Ritorno a Pianelle
Difficoltà: T

Ore 18.30 – Parco dei Monaci – I Laboratori
Bambini in sella: Momento dedicato ai più piccoli, che in compagnia di “Chiarina” la pony e “Briccone” il Mulo, potranno passeggiare a cavallo in un breve percorso accompagnati da un istruttore dell’Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali

Ore 20.00 – Laboratorio: L’ARTE DELLA BIRRA Tecniche di birrificazione e presentazione delle materie prime con degustazione di birre del "Birrificio Birfoot".
A cura di Giovanni Pozzuoli

Ore 21.00 – Cena. I sapori del Parco (aperta a tutti)
Quota di partecipazione: euro 15

Ore 21.30
Irish Music con i “ CAORA DHUBH “
Collettivo aperto" di musicisti nato spontaneamente dalla frequentazione delle ormai consolidate “Irish Music session” in vari locali Pugliesi. La comune passione ha portato i musicisti componenti il gruppo a suonare stabilmente insieme. Il repertorio proposto in concerto, quasi interamente strumentale, è composto da musica tradizionale Irlandese (Reels, Jigs, Hornpipes e Airs) fedelmente proposta ed arricchita dall’interpretazione personale
Pino Porsia: Flauti - Domenico Pastore: Fisarmonica - Davide Viterbo: Fiddle - Carmine De Bonis: Chitarra - Davide Porsia: Bouzouki - Giggi Celestino: Bodhran

Informazioni:
Per partecipare al trekking è indispensabile prenotarsi. max. 50 persone
Partenza da Centro Visite Pianelle ore 17.30. Ritorno a Pianelle ore 19.30
CENA aperta a tutti 15 €.
Indispensabile prenotare entro e non oltre il 6 luglio ore 12.00 telefonando allo 0835/336166 int. 4 o recandosi presso la cartolibreria Montemurro, via Beccherie, 69 Matera - tel. 0835/333411 

Centro Visite Pianelle: Strada provinciale Matera-Montescaglioso - Contrada Pianelle, 75024 Montescaglioso (MT)



Vedi la cartina con l’indicazione delle masserie


Carta del Parco Carta del Parco
MASSERIE IN FESTA, 24 giugno 2017
Resoconto fotografico

MASSERIE IN FESTA. 24 giugno 2017
Primo appuntamento di questa rassegna di 5 appuntamenti dedicata alle conoscenza delle strutture rurali presenti nel Parco. Una giornata che sembrava dovesse essere sopraffatta dalle alte temperature e che invece si è trasformata in una piacevole passeggiata trekking da Jazzo Gattini al Grand Casale delle Gravine in compagnia della guida Mario Montemurro. Al Gran Casale, incontro con Lorenzo Rota per una lezione illuminante sul territorio e poi, degustazione di prodotti tipici e la musica del trio di Enzo Matera.

Arrivederci al prossimo appuntamento il 7 luglio.

>> Clicca per visualizzare le immagini
image
Masserie in Festa - Sabato 24 Giugno

Trekking, laboratori, degustazioni, musica nelle masserie e Centri Visita del Parco della Murgia Materana.

Sabato, 24 Giugno
GRAN CASALE DELLA GRAVINE

Il Trekking
A PIEDI DA TRASANO (Jazzo Gattini) A CONTRADA ALVINO (Gran Casale)
ore 16.00 - Appuntamento a Jazzo Gattini
ore 16.30 - Partenza da Jazzo Gattini
ore 18.30 - Arrivo al Gran Casale delle Gravine
Escursione accompagnati dai Cavalieri dell’Associazione Culturale Ergghiò e dal loro Mulo Briccone.

Difficoltà: T

Ore 19.00 - I Laboratori
LE MASSERIE – NELLA STRATEGIA PER LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PARCO
Incontro con Lorenzo Rota

Ore 20.30 - I Sapori del Parco
Cena con prodotti tipici a cura del “Gran Casale delle Gravine”.
Quota di partecipazione Euro 15

Ore 21.30
STINPO ACOUSTIC MUSIC: la musica di Sting e dei Police con una delle poche band in Italia ad avere lo stesso line up dell’originale.
Marco Abbattista, Vocals & Bass - Enzo Matera, Guitar & Vocals - Valerio Lotito, Drums

Per partecipare al Trekking è indispensabile prenotarsi
max. 50 persone
Partenza da Jazzo Gattini ore 16.30
Ritorno a Jazzo Gattini in autobus al termine della serata (riservato agli escursionisti)

CENA aperta a tutti 15 €.
E’ possibile ancora prenotarsi contattando il Gran Casale ai numeri 0835/1826251, 3667259991.

GRAN CASALE DELLA GRAVINE - S.S. 7 Matera - Taranto al KM 589 svincolo per Ginosa. Contrada “Alvino” – 75100 Matera (MT)

LORENZO ROTA
Architetto-urbanista.
Del gruppo vincitore il Concorso Internazionale “Sassi di Matera”, ha coordinato la redazione de:
Programma Generale di Recupero dei Rioni Sassi (1988/1996/2005);
Piano-Quadro del Parco Regionale della Murgia Materana (1996);
Piano-Quadro dei Sistemi Culturali del Territorio Materano (2003);
Linee-guida per l’ìntegrazione del PdG del sito-UNESCO negli strumenti di pianificazione urbanistica del territorio di Matera
Ha pubblicato, tra l’altro:
"Matera – Storia di una città" – Matera 1991 - 2011.
“Masserie fortificate del materano”, con Mauro Padula e Mario Tommaselli - Roma 1986;
Ha curato la pubblicazione de:
“La Transumanza in Basilicata”, di Mario Tommaselli – Matera 2015

image
Presentazione della ristampa anastatica del libro "Il massiccio del Pollino" di Mario Tommaselli e della mostra fotografica "Mario Tommaselli: 50 anni di escursioni sul Pollino" - 18 Giugno 2017

Domenica 18 Giugno 2017 alle ore 10:30, c/o il Centro Visite di San Severino Lucano si terrà la presentazione della ristampa anastatica del libro "Il massiccio del Pollino" di Mario Tommaselli e della mostra fotografica "Mario Tommaselli: 50 anni di escursioni sul Pollino" (a cura del CEA Pollino Basilicata).

Interverranno Francesco Fiore, Sindaco di San Severino, Bruno Niola, CEA Pollino Basilicata, Roberto Tommaselli, l’Ing. Pier Francesco Pellecchia, Presidente del Parco della Murgia Materana e Domenico Pappaterra, Presidente del Parco del Pollino.

image
Il Parco della Murgia Materana e la Provincia di Matera protagonisti al Forum PA 2017 al Workshop Esperienze innovative: una vetrina di Best Practice e innovazioni trasferibili
 
Forum PA 2017 Forum PA 2017
FESTA TRANSUMANZA DI MATERA – Sabato 10 GIUGNO 2017
Anche quest’anno nel mese di giugno torna l’appuntamento con un evento ormai classico che apre le porte alla stagione estiva nel Parco della Murgia Materana, la Festa della transumanza.

Il programma come di consueto prevede una passeggiata pomeridiana di circa 6 km in compagnia delle mucche e dei mandriani, per un’escursione piena di racconti storici culturali a cura delle Guide autorizzate del Parco.
In serata bivacco con cena rurale con prodotti della gastronomia locale, davanti al fuoco nell’aia di Masseria Radogna ed un concerto di musica popolare per una serata di convivialità.

PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE
– Ore 16:00: RADUNO partecipanti presso JAZZO GATTINI (zona Belvedere Parco Murgia);
– Ore 17:00: PARTENZA escursione nel Parco della Murgia Materana insieme alla mandria di mucche Podoliche; visita guidata ai siti principali con racconti storico culturali, a cura di Guide autorizzate;
– Ore 20:00: RIENTRO dei partecipanti dall’escursione presso MASSERIA RADOGNA ed inizio dei balli e canti popolari intorno al fuoco;
– Ore 21:00: CENA contadina presso Masseria Radogna;
– Ore 22:00: CONCERTO musica popolare dei RAGNATELA FOLK presso Masseria Radogna.

TICKET

– BIGLIETTI CONCERTO (5 € - disponibili direttamente sabato 10 giugno presso Masseria Radogna.

– CENA e CONCERTO (15€ Primo, Secondo, vino), è possibile prenotare tramite:

PREVENDITA BIGLIETTI A MATERA
IL MOSTO via Domenico Ridola, 18
IL BARETTO via La Martella
ELIO COPY via Lupo Protospata, 37
CARTOLIBRERIA MONTEMURRO via delle Beccherie, 69
INFO: 3471068973 - 3471737346

image
LE CLASSICHE DEL PARCO: TREKKING DA MATERA A MONTESCAGLIOSO
Sabato 20 maggio 2017

ENTE PARCO DELLA MURGIA MATERANA

"LE VIE FRANCIGENE LUCANE E L’ITINERARIO DEL MONACO GUIDONE"

Trekking da Matera a Montescaglioso

Partenza da Matera, Piazza S. Agnese, ore 9.00. 

Con Luigi Esposito, Franco Caputo, Angelo Lospinuso. 

Percorso lungo il ciglio della Gravina con soste e visite a Cristo la Selva, Guado Passarelli, Chiese Rupestri del Vallone della Loe. 

Ultimo tratto lungo il tratturo regio di Montescaglioso e conclusione nell’Abbazia Benedettina di S. Michele Arcangelo.

Ente Parco Murgia Materana in collaborazione con il CEA Montescaglioso

Partecipazione gratuita

Max 30 partecipanti

Numero minimo partecipanti 10. 

Iscrizione Ente Parco entro venerdì 19 maggio c.a. ore 12:00 - 0835/336166 int. 4

Difficoltà: E - Km. 23 

ore 17.00 Arrivo degli escursionisti in Abbazia Benedettina S. Michele Arcangelo 

Attrezzatura consigliata: zaino, borraccia, colazione, cappellino, scarpe da trekking, borraccia

LE VIE FRANCIGENE LUCANE E L’ITINERARIO DEL MONACO GUIDONE

Sabato 20 Maggio 2017, si svolge il trekking Matera – Montescaglioso con partenza dal Rione Agna ed arrivo nell’Abbazia di S. Michele Arcangelo. L’evento è organizzato dal Parco della Murgia Materana e da CooperAttiva/CEA Montescaglioso. Quest’anno l’escursione esplora il percorso come un tratto del sistema di sentieri e tappe riconducibili al sistema delle “Vie Francigene del Sud“. 

Gli itinerari della “Via Francigena” sono basati sulla descrizione delle tappe del pellegrinaggio svolto intorno all’anno 990 dal monaco Sigerico da Canterbury a Roma. Successivamente, a sud di Roma, già nel Medioevo, gli  itinerari di pellegrinaggio diretti anche verso il Santuario di S. Michele sul Gargano ed i porti pugliesi, imbarco per la Terrasanta,  sebbene non descritti nell’" Itinerario di Sigerico ", hanno acquisito la dicitura di "Vie Francigene" o come in un documento dell’abbazia lucana di S. Maria di Banzi, "Via Francisca". 

Nel Medioevo i percorsi dei pellegrinaggi verso sud ed i porti d’imbarco per la Terrasanta, si attestano lungo la grande viabilità romana ancora efficiente ed i percorsi paralleli locali che in Puglia e Basilicata affiancano gli itinerari più antichi e conosciuti.

Nel quadro delle direttrici viarie riconducibili al complesso delle “Vie Francigene del Sud“, il percorso che interessa il materano è il cosiddetto "Itinerario del Monaco Guidone", che intorno al 1119, descrive il tragitto che da Oria giungeva ad Acerenza, lungo una direttrice altomedievale parallela e più interna rispetto all’Appia Antica. Le tappe dell’itinerario di Guidone erano Oria, Anxia (forse Gallipoli), Mottola, l’abitato scomparso di Minerva presso Castellaneta, l’abitato scomparso di Monte Campo tra Laterza e Castellaneta, Ginosa, Montescaglioso, Matera, Altamura, Botromagno (cioè Gravina), Monteserico, Banzi, Acerenza. Montescaglioso è citato con il suo doppio toponimo "Severianum quae nunc Mons Scabiosus dicitur"; Matera è chiamata "Castra Hannibalis quae Materies dicitur" ed Acerenza "nidum corvi quae est Acerrentia". 

Secondo vari studi, l’itinerario di Guidone corrisponderebbe all’incirca alla direttrice percorsa dagli eserciti imperiali per attaccare Acerenza, prima nella guerra goto-bizantina del 535-553, e poi nella guerra contro i Longobardi iniziata nel 663 con l’invasione guidata dall’Imperatore Costante II. In tempi più recenti il tratto di questa direttrice, da Gravina a Montescaglioso, con deviazione verso Bernalda, è stato percorso anche da Carlo di Borbone nel viaggio verso la Sicilia.

Attualmente sul terreno esistono varie tracce riconducibili direttamente alla direttrice dell’ ”Itinerario“ ma, tra Matera e Montescaglioso, sono presenti tratturelli e sentieri paralleli conducenti alla chiese rupestri ed agli insediamenti della Murgia che costituiscono i diverticoli della direttrice principale, sviluppatisi nel corso di molti secoli.

La classica Matera – Montescaglioso del prossimo 20 Maggio rilegge con l’ottica del pellegrino le tappe di un antico percorso imperniato su monasteri e piccoli santuari che scandivano le tappe del lungo e faticoso viaggio verso Gerusalemme.



image
AVVISO DI MANIFESTAZIONE D’INTERESSE RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALI PER SERVIZIO DI OSSERVAZIONE E CONTROLLO A TURNAZIONE IN AREA DI PARCO

Viste
le L.R. n. 11/90 e L.R. 2/98;

Visto
lo Statuto dell’Ente di Gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano;

PREMESSO

Che
è tra le finalità dell’Ente Parco della Murgia Materana la salvaguardia dell’ambiente e la tutela dei cittadini tramite un’azione di osservazione e controllo tesa a valorizzare e difendere l’ambiente e in particolare, le zone protette e di significativo pregio naturalistico;
Che non avendo a disposizione proprio personale per attivare tutte le iniziative necessarie a garantire un adeguato servizio di monitoraggio in Area di Parco, l’Ente Parco della Murgia Materana ritiene opportuno avvalersi della collaborazione di Associazioni che si occupino di ambiente per un servizio di osservazione e controllo a turnazione che copra i punti di maggiore interesse dell’Area protetta nel periodo compreso tra i mesi di Maggio e Settembre 2017;

SI INVITANO

tutte le Associazioni che si occupano di salvaguardia e valorizzazione ambientale, aventi sede legale nei comuni di Matera e Montescaglioso a manifestare entro il giorno 8 Maggio c.a. con lettera scritta, la propria disponibilità a svolgere il Servizio di osservazione e controllo Ambientale a turnazione garantendo un presidio costante e puntuale delle aree di maggior interesse e segnalando eventuali anomalie nell’area protetta. Il Servizio di osservazione e controllo necessiterà di un breve percorso formativo che sarà realizzato presso la sede dell’Ente Parco della Murgia Materana.

                                                                                                                               Il Direttore
                                                                                                           Ente Parco della Murgia Materana
                                                                                                                Dott. Enrico Luigi De Capua

CONSERVAZIONE DI SPECIE DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO
L’Ente Parco si pone come obiettivi la conservazione e la valorizzazione dell’habitat rupestre, la protezione degli ecosistemi naturali, la ricostruzione delle comunità biotiche, nonché la tutela di tutte le emergenze geologiche, speleologiche, storiche, preistoriche e culturali presenti nell’area protetta.

In questi giorni nel Parco della Murgia Materana una coppia di Cicogne nere (Ciconia nigra) è impegnata nell’arduo compito della cova di ben quattro uova.

La coppia, presente da alcuni anni nel Parco, ha scelto una ripida parete della Gravina di Matera per costruire il maestoso nido di rami. Infatti la scelta di pareti rocciose, spesso presenti lungo forre fluviali, è tipica per questa specie nell’areale meridionale di distribuzione. Il Parco della Murgia Materana offre alla Cicogna nera e ad altre specie in via d’estinzione, ambienti ben conservati e privi di pressioni antropiche, idonei alla delicata fase della nidificazione. La presenza del nido nella Gravina di Matera impone estremo rispetto per questi ambiti di particolare importanza faunistica, floristica e paesaggistica.

L’Ente Parco della Murgia Materana si auspica che da parte di tutti i cittadini e fruitori dell’Area Protetta, ci sia il massimo rispetto nei confronti di questa specie e di altre come il Capovaccaio (Neophron percnopterus) che nidificano utilizzando le pareti rocciose della Gravina.

Al fine di consentire una corretta fruizione dei valori naturali ed ambientali del paesaggio, l’Ente Parco invita tutti a limitare attività rumorose nei pressi di tutto lo sviluppo della Gravina di Matera ad eccezione del tratto prospicente l’abitato di Matera, in quanto considerata l’estrema vicinanza con il centro abitato dei Sassi, non risulta interessato da nidificazioni.

L’Ente Parco continuerà a preservare questo territorio intraprendendo attività di ricerca e realizzando azioni di conservazione di questi meravigliosi ospiti delle Gravine.


Il Presidente
ing. Pier Francesco Pellecchia


image
ORDINANZA DIRIGENZIALE
 
image
" I piccoli gesti salvano il mondo"
 Ieri, 29 Marzo 2017 è stato premiato il giovane Angelo Iacovone alunno della classe V° B della Scuola Primaria Marconi di Matera per aver salvato e curato un falco grillaio nell’ estate 2016.

Il suo nome è comparso sul numero di Febbraio 2017 della rivista National Geographic  in un articolo corredato da stupende foto di Stefano Untertheiner che, tramite un video messaggio ha sottolineato l’importanza del gesto del piccolo eroe invitando tutti ad aver più cura della natura.

Tra intrattenimenti musicali e presentazione, Angelo assieme alla sua classe ha mostrato di conoscere bene le abitudini dei falchetti e le loro caratteristiche, dando a tutti una vera e propria lezione su questi rapaci.

Questo amorevole gesto non poteva rimanere indifferente.

Il Presidente dell’Ente Parco della Murgia Materana, Pier Francesco Pellecchia con la donazione di libri per tutta la classe  ed un riconoscimento ad Angelo ha deciso di premiare il nobile gesto.

Inoltre, i ragazzi della Scuola Secondaria di 1° grado Torraca mossi da una fervente curiosità sul falco grillaio hanno  sottoposto al Presidente numerose domande arricchendo tutti i presenti di nuove nozioni a riguardo.

Un momento di condivisone molto interessante questo e soprattutto una storia da cui tutti dovremmo trarre insegnamento.  È proprio vero, “ I piccoli gesti salvano il mondo” .

 


image
Comunicazione del Presidente Pier Francesco Pellecchia
 L’ENTE PARCO DELLA MURGIA MATERANA CHIEDE IL RIPRISTINO PERCORRIBILITA’

DEL SENTIERO PORTA PISTOLA-BELVEDERE MURGIA TIMONE

 

L’Ente Parco ha proceduto alla valorizzazione e sistemazione del percorso cha conduce da Porta Pistola al Belvedere di Murgia Timone, attrezzando lo stesso con adeguata segnaletica e cartellonistica e realizzando la passerella pedonale per l’attraversamento in sicurezza del Torrente Gravina, in modo da raccordare il percorso della “Strada vicinale Comunale di Murgecchia”, esistente già dal 1866, con il sentiero che porta al Belvedere di Murgia Timone.

Il sentiero n. 406, nell’area protetta del Parco della Murgia Materana, vuole favorire una escursione sostenibile, ricca di emozioni e sensazioni uniche alla vista, promuovendo la conoscenza delle bellezze naturalistiche e storico-culturali del nostro Territorio. Una esperienza affascinante da consigliare solamente ad ospiti consapevoli e preparati, rispettosi della natura e dell’ambiente, in possesso di attrezzatura idonea.

A causa del distacco di alcuni massi dal muro di contenimento del piazzale di Porta Pistola, così come comunicato dal Comando Provinciale VV.FF. di Matera, l’Ente Parco ha emanato apposita ordinanza di “DIVIETO DI PERCORRIBILITA’ DEL SENTIERO TREKKING N. 406” (Ordinanza n. 1 del 28/02/2017) provvedendo  alla chiusura  dell’accesso.

Ravvisando la necessità di consentire la riapertura del sentiero n°406 quale elemento utile alla valorizzazione e promozione del territorio, è urgente che l’Amministrazione Comunale adotti tutte le misure idonee a rendere nuovamente fruibile il percorso, visto l’avvicinarsi della stagione turistica e dell’appuntamento che Matera ha nel 2019.

Nel sollecitare gli interventi, è opportuno, inoltre, conoscere preventivamente le misure che l’Amministrazione Comunale vorrà porre in atto, al fine di poter condividere le azioni e consentire la messa in sicurezza e il miglior utilizzo di una strategica ed importante infrastruttura che l’Ente Parco ha messo a disposizione dell’intera comunità puntando a rendere accessibile, agevole e permanente il collegamento tra l’area murgiana e i Sassi.

Considerata la valenza del percorso culturale e l’interesse che lo stesso suscita, come testimoniato dalle numerose richieste da parte dei vari soggetti coinvolti (cittadini e visitatori, amanti della natura e sostenitori dell’ambiente, guide escursionistiche e tour operator, associazioni e imprese del settore), si ravvvisa l’urgenza  di attivarsi nel più breve tempo possibile.

E’ necessario che il “cittadino temporaneo” rispettoso e “correttamente attrezzato” possa fruire in tutta sicurezza del sentiero n° 406, divenuto ormai un “must” degli appassionati di trekking.   

                             Il Presidente

                       Ing. Pier Francesco Pellecchia

CONCORSO FOTOGRAFICO
Buongiorno! Vi presentiamo questo progetto che ci sembra molto interessante! Per maggiori informazioni consulta il sito www.fondazioneuniverde.it

image
ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 1 DEL 28 FEBBRAIO 2017 RELATIVA AL DIVIETO DI PERCORRIBILITA’ DEL SENTIERO N. 406
 
Ordinanza Dirigenziale Ordinanza Dirigenziale
IL COLORATO MONDO DEI FUNGHI
image 
Nel quadro del programma " Conoscere il Parco della Murgia Materana e Montescaglioso: escursioni ed incontri con esperti ", venerdì 24 Febbraio 2017 alle ore 18:30 si terrà a Montescaglioso, nell’aula del Centro di Educazione Ambientale, in via Mario Pagano n. 1, Convento della SS. Concezione, un incontro l’esperto Giuseppe Perrone sul tema i FUNGHI. Si presentano le specie del territorio di Parco Murgia e del Parco di Gallipoli – Cognato. Per l’occasione sarà distribuito il manualetto FUNGHI prodotto dal Parco della Murgia Materana.
La partecipazione è libera e gratuita. Per informazioni: 3348360098.

Centro di Educazione Ambientale di Montescaglioso - CooperAttiva/ Parco della Murgia Materana / Città di Montescaglioso

CooperAttiva soc. coop arl 
P.zza Racamato n. 1 
tel/fax: 0835.201016 cell: 3348360098 
ceamonte@katamail.com 
www.cea.montescagliso.net
Al lupo al lupo
image
Nel quadro del programma ” Conoscere il Parco della Murgia Materana e Montescaglioso: escursioni ed incontri con esperti “, venerdì 17 Febbraio 2017 alle ore 18:30 si terrà a Montescaglioso, nell’aula del Centro di Educazione Ambientale, in via Mario Pagano n. 1, Convento della SS. Concezione, un incontro con gli esperti Fabio Quinto, Gabriella Rizzardini, Giuseppe Grossi sul tema: “Il lupo: habitat, mito, territori, comportamento”.

La partecipazione è libera e gratuita.

Per informazioni: 3348360098.
http://www.montescaglioso.net/node/28387
la locandina la locandina
#libriAmoilParco!!
 Buon giorno! 
Come sempre vi teniamo aggiornati sulle gentili donazioni che ci vengo effettuate; in questo caso ringraziamo Vito Lacirignola direttore della Stilo Editrice di Bari.
Vi invitiamo sempre a mandare ulteriori libri per la nostra Biblioteca Parco dei Monaci!
image
La Biblioteca di Parco dei Monaci
imageContinuano le donazioni per la "costruzione" della libreria a Parco dei Monaci.
Questo testo ci è stato mando da Francesca e viene direttamente da Cagliari. La ringraziamo fortemente per la collaborazione alla formazione di un luogo sempre più culturalmente stimolante e aspettiamo altre donazioni! 
Grazie di tutto!
CONOSCERE IL PARCO DELLA MURGIA MATERANA E MONTESCAGLIOSO - MERCOLEDì 8 FEBBRAIO 2017
image
Centro di Educazione Ambientale di Montescaglioso/CooperAttiva, Citta di Montescaglioso, Assessorato alla Cultura

 "Conoscere il Parco della Murgia Materana e Montescaglioso, escursioni ed incontri con esperti"

"Biodiversità floristica del territorio della Murgia"

Giuseppe Gambetta, Mercoledì 8 febbraio 2017, ore 18:30, aula CEA, Via M. Pagano, 75024 Montescaglioso: Incontro con l’esperto

Info: 3348360098

Partecipazione gratuita
Locandina Locandina
AMBIENT_ARTI. Quaderno del parco n. 22
imagePubblicato il nuovo Quaderno del Parco n. 22. All’interno del quaderno è pubblicata l’esperienza realizzata da i Parchi, i Cea , il Teatro PAT insieme alle scuole  attraverso il progetto Ambient_Arti" promosso dal Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata in collaborazione con il Parco della Murgia della Murgia Materana, come soggetto capofila.
Rivolto ai giovani studenti delle scuole elementari e medie rientranti nelle aree dei quattro Parchi della Regione Basilicata, l’iniziativa progettuale ha avuto una grande valenza educativa e formativa!
IL PARCO SOLIDALEraccolta fondi per la ricostruzione del Cinema Teatro “Giuseppe Garibaldi” di Amatrice
Sono 1.140 euro i proventi raccolti dall’Ente Parco della Murgia Materana attraverso le donazioni relative alle pubblicazioni editoriali realizzate per la Collana Ente Parco Murgia Materana e destinati al progetto "Un Teatro per Amatrice", promosso a livello nazionale dall’associazione I-Jazz sotto la direzione del trombettista Paolo Fresu e sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. 
Un intervento per la  ricostruzione del Cinema Teatro "Giuseppe Garibaldi" di Amatrice che ha visto la comunità materana aderire compatta all’iniziativa dell’Ente Parco durante i vari appuntamenti autunnali del ParcoMurgia Festival.
Un piccolo segnale, scrive il Presidente Pier Francesco Pellecchia, che insieme ai tanti interventi provenienti da tutte le parti d’Italia aiuterà le popolazioni colpite dal terremoto a ricostruire una loro identità

 


image
CASE OSPITANTI 2016
Il 30 Dicembre 2016 Matera è stata lo scenario dell’evento "Case Ospitanti", manifestazione rientrante nell’ ambito del ParcoMurgia Festival 2016.
Grazie alla gentilezza di chi ha aperto le proprie bellissime dimore, grazie agli artisti che si sono messi a dispozione, grazie alla cittadinanza che ha risposto in maniera positiva, grazie a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di tutto ciò, "Case Ospitanti" ha dato un segnale di come una comunità può prepararsi a diventare "Capitale europea della cultura".
Già si pensa alle prossime edizioni e nel frattempo vi proponiamo una carrellata fotografica dell’evento. 


>> Clicca qui per il resoconto fotografico
PARCOMURGIA FESTIVAL 2016
imageCASE OSPITANTI
II edizione
Il Trekking Fatto in Casa

MATERA, 30 Dicembre

dalle 19.30 alle 22:00

l’itinerario Matera-Montescaglioso nelle case degli abitanti culturali
tra immagini e performance artistiche

Come avvenuto nella prima edizione del 30 dicembre 2014, “Case Ospitanti” vuole consolidare il legame tra Parco e Centro abitato, attraverso un percorso fotografico itinerante esposto nelle case dei Sassi.
Si racconta infatti l’itinerario n. 405 che da Matera, seguendo il bordo superiore della Gravina, giunge sino a Montescaglioso tra bellezze naturali e storiche con immagini delle escursioni comprese tra il 2002 e il 2016.

Case Ospitanti, oltre al “Trekking fatto in casa”, coinvolgerà musicisti, poeti e artisti lucani che realizzeranno nei salotti, microeventi della durata di 15’ che si ripeteranno ogni 30’.

Gli “escursionisti” potranno così, con l’ausilio di una mappa riportante tutte le “Case Ospitanti”, seguire un itinerario alla scoperta del Parco e dell’accoglienza riservata loro dai residenti nei Sassi.

Nell’ambito di “Case Ospitanti”, L’Ente Parco darà continuità al progetto:
DONA UN LIBRO ALLA BIBLIOTECA DI PARCO DEI MONACI.
Tutti coloro che vorranno contribuire all’allestimento della biblioteca di Parco dei Monaci, oggi adibito a Centro Visite, potranno donare testi riguardanti l’ambiente, il territorio e le tradizioni del mondo, al personale del Parco presente in ogni Casa Ospitante. (maggiori informazioni su: www.parcomurgia.it)


“Case Ospitanti”:

P - Partenza del trekking fatto in casa
• CASA DI MARISTELLA E IGNAZIO, Via Casalnuovo, 147 (Sasso Caveoso)
- SAVERIO PEPE E ANTONELLO FIAMMA (voceechitarra)
presentano i loro due lavori discografici in un unica performance LIVE acustica.
"Canto male il jazz" di Saverio Pepe, nella TOP FIVE delle nuove proposte della musica italiana nel 2015, album candidato al Premio Tenco, allegato alla rivista Musica Jazz, recensito dalle principali riviste nazionali, incontra "The Round Path" di Antonello Fiamma (album che ha portato il chitarrista materano in giro per tutta l’Italia in una performance acustica in guitar-solo).
Canzoni, musica, scritti, poesia. Tutto inedito e autoriale.

sosta n. 1
• CASA DI PINA E ANGELO IL ROSSO, Piazzetta San Pietro Caveoso, 8 (Sasso Caveoso)
- TOPONOMASTICA DIALETTALE DEI RIONI SASSI (edizioni ParcoMurgia)
con Angelo Sarra
Un viaggio all’interno delle contrade , delle stradine delle piazzette dei Rioni Sassi attraverso la toponomastica ufficiale. Angelo Sarra, esperto e divulgatore delle tradizioni popolari ripercorre la traccia ineludibile di un reticolo di rapporti umani e sociali; luoghi che si associano ai volti degli abitanti alle voci e ai rumuori che riecheggiavano tra le vie.

sosta n. 2
• CASA DI RITA E MIPA, Recinto Domenico Ridola
- I TRAAMM
gruppo storico della città di Matera, formatosi nel lontano 1994, è una cover band che suona musica blues/rock i suoi componenti sono: Enzo Matera Chitarra e voce, Pino Oliva al Basso, Dario Carmentano alla batteria e Mino Lionetti voce ed armonica a bocca. Eseguono brani di Eric Clapton, Rolling Stones, The Beatles, B. B. King, Sting, Pink Floyd, The Velvet underground, Lou Reed, Jimi Hendrix, Neil Young, James Brown.

Sosta n. 3
• PALAZZO BERNARDINI, Arco del Sedile, 9
- ORION’S BELT
Giuliano Scavetta, pianoforte – Roberto Scillitani, basso elettrico - Pippo Bianco, batteria
Trio che prende in prestito brani da diversi ambiti stilistici riarrangiati per l’occasione

sosta n. 4
• CASA DI TERESA E TOMMASO, Via del Corso, 36
- TRA VISIBILE E INVISIBILE
Piccolo concerto sensoriale di Poesia in Azione
con Silvana Kühtz
Che cos’è poesia in azione? Una svista che ti fa vedere ciò che ancora non vedi.
Poesia in Azione
Un misterioso incontrarsi e ritrovarsi e perdersi. È parola viva che inizia ad abitare, ad agitarsi nei corpi, nelle orecchie. È parola intenzionale indirizzata presa a volte da pozzi profondi, a volte raccolta da un ramo vicino. È trovare nel visibile, nel vicino, nell’ovvio lo stupefacente.

Sosta n. 5
• CASA DI GABRIELLA E GIUSEPPE, Piazza Duomo, 2
- ANIME FOSSILI
Lettura di poesie di Costantino Dilillo
Musiche: percussioni di Baldassarre Aldo Bagnoni
Proiezioni di fotografie di Matera scattate da Costantino Dilillo

sosta n. 6
• CASA DI MONICA E ARTURO, Via 3 Corone, 9/10 (Sasso Barisano)
- MOREGRE
Fabrizio Scarcella, chitarra e voce - Giuseppe Nicoletti, basso elettrico - Francesco D’alessandro, percussioni
Tra il blues e rock

sosta n. 7
• CASA DEL PARCO, Via Sette Dolori, 10 (Sasso Barisano)
- LE PARETI RACCONTANO
Storie vere di fantasmi e storie fantastiche di umanità.
Al Marsupio A.s.d.

sosta n. 8
• CASA DI DORA E GIANNI, Via Lombardi, 4 (Sasso Barisano)
- SASSI NARRATI
Che tu sia un turista o un cittadino diventa autore e lettore di un
racconto collettivo.
Associazione Il Vagabondo


A - Arrivo
• CASA DI SILVANA E ITALO, Vico Santa Cesarea, 64 (Sasso Barisano)
DUE ANGELI TRA MUSICA E PITTURA
Angelo Tataranni, chitarra solo - Angelo Lamacchia, pittore
Angelo, compositore, chitarrista, produttore, insegnante di musica in Italia.
Angelo T. è nato a Matera è uno dei fondatori di Patchanka Soledada band reggae ska. Con il suo album di debutto da solista Acoustic Project (9, 2015) Angelo Tataranni dedica la sua musica alle sue radici, la sua città, la sua “Lucania”. Sposa tecniche moderne di chitarra acustica alla musica mediterranea. Dal vivo si esibisce da solo con la sua chitarra acustica e una loop station.
Angelo L. è nato a Matera, ha studiato pittura presso l’accademia di Belle Arti di Roma. Sotto la guida del prof. Gianfranco Notargiacomo, pittore astrattista, si avvicina alla pittura astratta. Negli anni trascorsi a Roma, sperimenta la sua pittura proponendola in molti centri culturali. Nel 2012 parte per Astana, in Kazakistan, rivestendo il ruolo di decoratore presso “Astana Opera”, il nuovo teatro della capitale.
Per le vie del centro Rino Locantore e AllaBun

Video/interviste durante il Trekking a cura di Nicla Pisciotta e Ilaria Ferrara

Segui la diretta video Case Ospitanti su Fb Ente Parco della Murgia Materana
Mostra Matera Montescaglioso a cura dell’archivio fotografico Ente Parco Murgia Materana, foto di Luigi Esposito
informazioni:
Ente Parco della Murgia Materana
Via Sette Dolori, 10
75100 Matera (MT) - Italia
Tel 0835 336166 (interno 4)
E-Mail: info@parcomurgia.it
Sito Web: www.parcomurgia.it


informazioni:
La visita nelle Case Ospitanti è a ingresso libero e non necessita di prenotazione.
Solo i primi 20 partecipanti che prenoteranno il “trekking fatto in casa” telefonando entro le ore 12 del giorno 29 dicembre allo 0835/336166 int. 4, potranno usufruire della guida al percorso fotografico nelle case.

Ogni proprietario di casa aprirà il suo salotto alla città, a partire dalle ore 19.30 fino alle ore 22.00.

Presso i punti informativi sarà possibile ritirare la mappa del percorso dove saranno riportate le indicazioni delle Case ospitanti

Punti informativi Matera:
Cartoleria Montemurro Via Beccherie n. 69 - 0835/333411
Libreria dell’Arco, Via Beccherie n. 55 - 0835/311111
Libreria Mondadori, Via del Corso n. 12 - 0835/344062

Case Ospitanti da una idea di Luigi Esposito

Il Presidente dell’Ente Parco della Murgia Materana Pier Francesco Pellecchia
vedi la locandina vedi la locandina
#libriAmoilParco. LA BIBLIOTECA DI PARCO DEI MONACI
image
L’Ente Parco della Murgia Materana ha recentemente restaurato e reso nuovamente fruibile il prezioso sito di Parco dei Monaci, grancia benedettina al confine di Matera.

La grancia, importante accesso al versante sud del parco ad alcuni dei più interessanti sentieri naturalistici, diventa Centro Informativo per gli escursionisti, per gli studenti che trovano al suo interno sale dedicate ad un viaggio virtuale alla scoperta del mondo benedettino e agli insediamenti nell’area della murgia materana.

Al suo interno una grande aula è destinata ad ospitare una sala lettura.

A tal proposito l’Ente Parco chiede il coinvolgimento di tutti coloro che vorranno contribuire all’allestimento della biblioteca di Parco dei Monaci attraverso donazioni di testi riguardanti l’ambiente ed i luoghi del mondo.

I testi che vorrete donarci dovranno trattare gli aspetti geografici, naturalistici, ambientali, storici, culturali ed etnoantropologici dell’intero territorio nazionale e non solo, così da creare una riserva di conoscenze delle realtà nazionali ed internazionali, usufruibile da tutti.

Ogni donatore rimarrà proprietario del testo affidato al Parco della Murgia Materana ed entrerà a far parte dell’ordine di Parco dei Monaci ricevendo la tessera partecipativa.

I libri saranno consegnati alla sede amministrativa dell’ Ente Parco della Murgia Materana, in via Sette dolori n.10- Matera, e catalogati in un database online consultabile dal sito ufficiale, nel quale saranno riportati anche i nominativi, facoltativi, dei generosi donatori.

Per il rispetto dei lettori, non possono essere accettati testi mancanti di copertine o pagine o scarabocchiati. Sono accettati però riviste e periodici inerenti gli argomenti specificati.

Comunque l’Ente verificherà caso per caso l’accettazione dei singoli testi, che avverrà a seguito della compilazione di un modulo apposito.

Attraverso l’hashtag #libriAmoilParco, e i canali social, ogni donatore potrà seguire le fasi di allestimento della "Biblioteca di Parco dei Monaci", condividere pensieri e frasi tratte dai libri ivi contenuti, entrare in contatto con i lettori e i donatori della biblioteca.

L’ordine benedettino è stato uno dei più fiorenti veicoli culturali del Medioevo, per questo non c’è location più appropriata per inaugurare una iniziativa di condivisione e fruizione della cultura 2.0.

Buon DEAMBULA ET LEGE a tutti!

Per informazioni telefonare : 0835-336166 int. 4

ORDINANZA DIRIGENZIALE del 23/11/2016
Orari di percorribilità e fruizione del sentiero trekking n. 406
IL DIRETTORE
Valutata la necessità e l’urgenza di regolamentare gli orari di accesso al percorso naturalistico che collega i Sassi a Murgia Timone in relazione ad esigenze di corretta fruizione e tutela degli habitat;
Considerato che nel marzo 2016 è stato riqualificato il sentiero che dai Sassi conduce a località Murgia Timone attraverso al realizzazione di una passerella pedonale;
Preso atto della frequentazione anche in orari non consoni, caratterizzati da scarsa visibilità, da parte degli escursionisti del sentiero collegato di recente con passerella nell’ambito dell’area Parco denominato n. 406;
Considerato che una scorretta fruizione in orari serali del sentiero n. 406 aumenta il grado di pericolosità dello stesso;
Ritenuti pertanto sussistenti i motivi per l’adozione di una ordinanza di carattere contingibile ed urgente al fine di prevenire eccessivi disturbi agli habitat naturali, pericoli all’incolumità pubblica, nonché una condizione di scorretta ed indiscriminata fruizione di habitat naturali sensibili;
Attesa la propria competenza ai sensi dell’Art. n. 54 del testo Unico delle Leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali approvato con D.Lgs. 18.08.2000 n. 267;
VISTO
il Decreto Legislativo n. 267 del 2000;
La Legge Quadro sulle Aree Protette.
La Legge regionale n. 11 del 03. 04. 90
ORDINA
Con effetto immediato, l’interdizione ai cittadini, per motivi di sicurezza e tutela degli habitat, del sentiero trekking n. 406 che da Porta Pistola conduce al Belvedere sito in località Murgia Timone negli orari compresi tra un’ora prima del tramonto* e le nove del mattino.
* (per la determinazione di tale orario si fa riferimento a quello rilevato dall’aeroporto di Bari)
AVVERTE
che i trasgressori alla presente ordinanza saranno segnalati e denunciati alle autorità competenti;
che, contro la presente ordinanza, potrà essere proposta opposizione ai sensi dell’Art. n. 22 e 22 bis L. 689/81 entro 30 gg dalla notifica della stessa dinanzi al tribunale competente;
DISPONE
che la presente ordinanza sia resa nota a mezzo affissione all’Albo Pretorio e comunicazione attraverso sito web dell’Ente Parco della Murgia Materana (www.parcomurgia.it).;
INFORMA
che il presente provvedimento sostituisce e abroga ogni altra disposizione emanata con precedenti ordinanze che dovesse risultare in contrasto con essa.
È fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e fare osservare la presente ordinanza.

Il Direttore
Dott. Enrico Luigi de Capua

ORDINANZA DIRIGENZIALE ORDINANZA DIRIGENZIALE
Consultazione tesi di laurea
Si avvisa chiunque fosse interessato che, a partire dai prossimi giorni, sarà possibile consultare gli elaborati di tesi di laurea (già depositati all’ Ente) online.
Inoltre, laureandi e laureati potranno fornirci l’elaborato in formato pdf (recandosi presso la nostra sede) per poi procedere alla sua pubblicazione.
INVITO ASSEMBLEA PUBBLICA
“Un Grande Parco Cittadino”, ecco come viene inquadrato il Parco regionale della Murgia Materana, polmone verde di una città unica al mondo. Il collegamento dai Sassi con l’area parco da sempre è stata affrontato in maniera e modi diversificati.
L’interesse sempre crescente del popolo degli escursionisti provenienti da tutto il mondo, verso questa comunità, rende necessario affrontare temi che impongono misure che migliorino l’accessibilità e la percorrenza degli itinerai nel Parco.
In questa ottica l’Ente Parco affronta alcune emergenze legate alla fruibilità dello stesso.
Nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale della Basilicata 2007/2013 - Misura 313 “Incentivazione attività turistiche” è infatti stata finanziata una proposta progettuale che ha come obiettivo quello di rendere agevole e permanente il collegamento tra il Parco della Murgia Materana e i Sassi.
Allo stato attuale questo collegamento risulta di difficile accesso, pertanto, per consentire una più agevole fruizione del territorio si prevede, la realizzazione, in prossimità dei sentieri esistenti, di una passerella pedonale del tipo a catenaria, per il superamento dell’alveo del Torrente Gravina, al di sotto di Porta Pistola nei Sassi.
Martedì 21 luglio alle ore 18,00 presso il Centro Visite del Parco di Santa Lucia, Porta Pistola verrà presentato alla cittadinanza l’idea progettuale.
Si invitano la stampa, le associazioni, gli ordini professionali e la cittadinanza tutta ad un assemblea pubblica nella quale si presenterà la suddetta proposta progettuale e si aprirà un momento partecipativo di confronto, discussione e condivisione di questioni che interessano l’intera comunità.

Pier Francesco Pellecchia
Presidente Parco della Murgia Materana

Parco dei Monaci
La Grancia di Parco dei Monaci
image
IO SOSTENGO MATERA 2019

Amministrazione Trasparente

URP

image
Sito NaturArte 2015

I video di NaturArte Basilicata
LA CARTA DEL PARCO

 Guarda la carta
Bianca Bianca
Volta Volta
ESPLORA IL PARCO

Le Guide del Parco

Gli itinerari delle Guide
MULTIPARCO
Per essere sempre aggiornato sul Parco seguici anche sui social network:

Iscriviti

Canale Youtube del Parco della Murgia Materana

Archivio Mario Tommaselli

Lavori in corso
E’ in fase di allestimento un archivio dedicato a Mario Tommaselli, all’interno del quale sarà possibile trovare immagini e documenti relativi al nostro naturalista.Chiunque voglia contribuire può inviarci del materiale fotografico e documenti scrivendo a: esposito@parcomurgia.it
C.E.A. Matera
Il centro visite di Jazzo Gattini è l’ideale punto di partenza per gli itinerari di Murgia Timone, area panoramica di fronte ai Sassi di Matera, assai rappresentativa di tutta l’area protetta.
C.E.A. Montescaglioso
Le attività sono rivolte al mondo della scuola, all’associazionismo ed alle imprese e sono finalizzate a promuovere i principi della sostenibilità tra i diversi soggetti presenti nelle comunità locali.
Guide LIS
Guida LIS Parco Murgia

Guida LIS Abbazia di Montescaglioso

L’ARCHIVIO DEL PARCO
In questa sezione vengono riproposti in ordine cronologico tutte le notizie pubblicate su www.parcomurgia.it.
I FOTORACCONTI DEL PARCO
Guarda le foto delle giornate organizzate con il Parco.
Servizi on line parcomurgia.it
Attraverso la registrazione all’Area Utenti di questo sito
potrai usufruire di tutti i servizi on line disponibili tra i quali
1. Ricevere la Newsletter del Parco
2. Accedere al SITA Sistema Informativo Territoriale Ambientale del Parco della Murgia Materana


>> Registrati subito
CHI LI HA VISTI? Rubati e salvati: restano invisibili

Campagna di sensibilizzazione per il recupero degli affreschi trafugati nel 1962 dalle chiese rupestri di Matera.
>> Vedi articoli
Il mio nome è MUGRI’

Ciao io sono Mugrì, il falchetto mascotte del Parco della Murgia Materana. Il mio nome ha il sapore di terra "Mu" MUrgia e di cielo "Grì" GRIllaio. Sono un giovane allievo del professor Falco Naumanni, un anziano brontolone che conosce ogni angolo e mille storie del nostro territorio.
Carta d’identità Carta d’identità
Mi presento Mi presento
Itinerari del Parco
Qui sono riportati gli itinerari ufficiali del Parco della Murgia Materana.
Gli aspetti generali Gli aspetti generali
Gli itinerari Gli itinerari
Notizie utili Notizie utili
Progetto Comunitario Life Arupa
 Il link del documentario "Anfibi e Rettili della gravina di Matera - Un patrimonio da salvaguardare"
https://youtu.be/CB74XPfT97E

Ricordi del passato

 
Politica Ambientale Politica Ambientale
 
image
IO NON MENTO SUL CEMENTO
A seguito del protocollo di intesa tra Provincia di Matera, Comune di Matera, Parco della Murgia Materana e Italcementi di Matera pubblichiamo il link a cui collegarsi per visualizzare le emissioni dello stabilimento Italcementi. I dati verranno pubblicati con cadenza giornaliera sul sito il giorno successivo a quello di misurazione, tranne il sabato, la domenica e i festivi dove verranno pubblicati il lunedì oppure il giorno successivo al festivo.

emissioni.itcgr.net/ecowebmatera
I LINK DEL PARCO
I link consigliati dal Parco
 
     
  www.parcomurgia.it
Ente Parco della Murgia Materana - Contatti - Privacy Credits: www.basilicatanet.com